Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2009

Miscellanea confusa

Domani Enzo Bianchi riceverà a Santo Stefano Belbo il premio Cesare Pavese per il suo ultimo libro, Il pane di ieri. Lo ha saputo nella settimana in cui ero su a Bose: l’ho visto contento davvero per questo riconoscimento.Sto producendo quasi a ciclo continuo sacchetti di lavanda per profumare la biancheria. Di lino o cotone leggero, creati con gli scampoli di tessuto avanzati per casa (grandi teli africani colorati, pezzetti di camicia a righe, un vecchio paio di pantaloni di lino grezzo sempre a righe) e riempiti con la lavanda gentilmente offerta dall’amica P., che l’ha raccolta nella casa di campagna, questo lavoro manuale semplice è l’occupazione rilassante per eccellenza in queste sere di fine estate.
Anzi, accetto prenotazioni: se a qualcuno interessano due – tre sacchettini, gliene posso dare.
E se volete, potete perfino dirmi se preferite il ‘sacchetto’, chiuso con fiocchetto di tessuto in tinta, o se preferite il cuscino piccolo cucito per intero.Ho al polso un braccialetto ti…
Sagittario (per la settimana in corso - da venerdì a giovedì prossimo)Se un giorno venderai la storia della tua vita a un regista per farne un film, probabilmente sarà grazie alle avventure che vivrai a partire dalla prossima settimana.
Il divertimento comincerà quando deciderai di non lasciarti più sopraffare dalla solita sofferenza. Questo atto di coraggio riequilibrerà la bilancia cosmica e sposterà le correnti del destino. Presto riuscirai a svelare un mistero. Scoprirai i segreti di una fonte che da un po’ riduce il tuo potere senza che tu te ne renda conto.

gatto nero, gatto bianco

Ieri sera: rientro a casa passando dal parco, come sempre.
Passa un gatto bianco, lo saluto. Il gatto bianco non mi considera di striscio.
In compenso una gattina tutta nera con gli occhi gialloverdi esce da un cancello al mio richiamo, e mi arriva vicina vicina. Vuole la sua dose di coccole, e si mette perfino a pancia all'aria dopo un momento.

Confermo che la mia evoluzione gattofila è in corso...

ma quale harry potter d'Egitto

Ma dai... che delusione.
Fedele alla tradizione che ormai prevede che, dopo aver letto tutti i libri, io mi preoccupi anche di vedere tutti i film, ieri sera mi sono recata al cinema. Appuntamento con HP e il principe mezzosangue.
Che se c'è una cosa che va riconosciuta alla signora JKR è quella di aver costruito dei romanzi di formazione come ne mancavano nel panorama letterario attuale, e di essere riuscita a farli diventare dei best sellers.

Ora, mi spiegate perchè il penultimo film della saga (tecnicamente il terzultimo, visto che l'ultimo capitolo lo hanno suddiviso in due) ha:
perso completamente tutte le battagliefatto praticamente scomparire i cattivi (e il più cattivo di tutti in particolare)lasciato cadere nel dimenticatoio il ruolo di mentore di Silente, che qui dice 4 parole in croce, e di queste due sono di mera ficcanasaggine sulle vicende sentimentali dell'hp di cui sopratrasformato la trama in un harmony mal scritto, aggiungendo scene sentimental - romantiche a…

dormire? what is dormire...?

Ieri:
sveglia all'alba (= ore 5.30),
passeggiata con il cane (ore 6.00),
colazione (6.45), treno e bus (7.15),
ufficio (8.30 -18.10), bus e treno (fino alle 20.30),
casa per cena - tardi.

Subito dopo cena, il suddetto cane ha pensato di aver bisogno di un supplemento di passeggiata - datosi che quella serale, fatta con mio fratello alle sei di sera non era stata abbastanza lunga (o interessante, o utile o funzionale... chissà). Quindi...

Passeggiata con il cane (ore 22 - 22.30).
Imprescindibile appuntamento con le coltri (ore 23.15).
...
Ulteriore passeggiata con il cane (ore 02.00 - 02.35)
...
Sveglia (ore 6.00)

HO SONNO
Fu rivolta a Giona figlio di Amittai questa parola del Signore:
"Alzati, va' a Ninive la grande città e in essa proclama che la loro malizia è salita fino a me"
Giona però si mise in cammino per fuggire a Tarsis [...]

attualizzazione del testo
(diciamo che siamo, toh, nel 1941)
Dio disse a Pinco Pallo: "Pinco Pallo, alzati e vai in Germania da Hitler e digli che è un malvagio e che la smetta subito". Pinco Pallo prese la nave e se ne andò a svernare a Cuba...

di libri tanto per cambiare

Viaggi e libri sono il mio respiro. Se dei primi faccio spesso a meno, dai secondi non riesco a star lontana. L'ennesimo giochino da social network mi ha fatto scoprire un po' di volumi da leggere o da scoprire....
Lezioni Americane (Calvino)
Patagonia Express (Sepulveda)
Splendori e miserie delle cortigiane (Balzac)
Jacques il fatalista e il suo padrone (Diderot)
Foto di gruppo con signora (Boll)
I persuasori occulti (Packard)
Un eroe borghese (Stajano)sono convinta che altri seguiranno

due giorni di mare

Giorni frivoli e gradevoli, per prepararsi a questa densa settimana.

In ordine sparso ho:
controllato quel che dovevo (per la salute)passato un pomeriggio di chiacchiere acquatiche, in piscina, come non facevo da tantotrascorso una serata di degustazione e incontri con ... incredibile ma vero... mio fratello :-)visto un film di assoluto totale e indiscutibile disimpegnoscelto una località marittima della riviera nella quale trascorrere due giorni dueassaporato due giorni due di chiacchiere amicizia piacevolezza e sensazione di familiaritàdormito tutta la notte, con tanto di aria condizionatapreso il sole, sulla schiena, secondo la mia migliore tradizione marittimascoperto che anche a 50 anni suonati si può decidere di comportarsi da adolescentipensato che mai avrò il fisico dell'amica che mi ha ospitata (invidia!) ma che in fondo mi vado meglio di qualche tempo farealizzato che oggi e domani saranno giornate di fuoco!Per E. che ha espresso giuste osservazioni: sto lavorando per cono…

sulla porta

Sto sulla porta, e osservo un nuovo cambiamento, un altro passaggio, un altro ingresso in mondi sconosciuti. Un altro salto, che durerà anni. Un salto fatto, come sempre, a ranghi sparpagliati. Com'è che quando abbiamo le cose grosse da decidere uno non c'è, l'altro sta male, la terza è via... Mah.
Chissà, magari stasera riuscirò a varcare quella soglia...
l'unica cosa saggia da ricordare è che non è urlando che ci si impone.

Vorrei davvero scrivere i quattro verbi citati da Enzo Bianchi nella sua omelia come memo, per traccia e guida. Ma onestamente sono così tanto lontani da me, ancora, che non sarebbe corretto metterli nero su bianco. Continuo a leggerli, e prima o poi mi entreranno nel cuore: allora forse avranno spazio anche qui.

caldo

Fa caldo. Mi sto organizzando per arrivare al fresco, il secondo weekend di settembre.
I miei familiari si stanno preparando per andare a riprendere mamma, la prossima settimana.
Io incredibilmente sono sveglia alle cinque e mezza tutte le mattine (tutte, non esageriamo: fino ad ora il tutte corrisponde a due).
Ho una amica - collega al mare, ma non sono sicura di avere le energie per andarla a trovare.
In fondo continuo ad essere una misantropa camuffata. O forse riesco ad uscire dal guscio solo quando ne vale la pena.

Ieri sera ho conquistato il solito gatto. Un meraviglioso persiano grigio, non più fanciullino, che quando mi incontra per strada esige la sua razione di coccole: e fino a che non le ha ottenute non mi permette di tornare a casa. Una signora ci ha guardati stupita e mi ha spiegato che "Luna è un gatto assai diffidente, di solito è aggressivo e graffia. Ma lei la conosce da tanto?"
"No, signora, da poche settimane: mi ferma sempre se mi incontra la sera e si fa…

consuetudini

Il tempo delle ferie è tempo 'altro', di rigenerazione rispetto al quotidiano, di ristoro, di recupero. Si perde l'abitudine ai piccoli gesti quotidiani che infarciscono le giornate.
Così anche per me: ho l'impressione di non sapere più scrivere, di non riuscire a mettere nero su bianco quel che mi è accaduto. Non su blog, almeno. E non ho ancora capito con quale tono, poi, raccontare.

Due settimane, due intere preziose settimane.
Sono state un dono.
Intanto per la prima di queste, che ha dato il ritmo a tutto il resto: come aveva giustamente intuito E., sono andata a Bose. Vi ho incontrato persone aperte e persone meno disponibili, persone capaci di ascoltare se stessi e gli altri, e persone che hanno bisogno di riempire il tempo di rumori parole e suoni perchè il silenzio fa loro paura. Ho cercato di fare mio il suggerimento trovato in camera all'arrivo (accogli senza giudicare, era il senso di quello scritto), e spero che chi mi ha incontrata abbia fatto altrettanto…