Passa ai contenuti principali

Post

compagni di viaggio e di vacanza

Disclaimer: questo è un post scritto sull'onda del momento. 
Ho un amico che parte domani per le vacanze con la compagna. Destinazione: Paesi Baschi.
Ho un'amica che parte domani per le vacanze con marito e figli. Destinazione: in giro con il camper.
Ho un'altra amica che è ora a Barcellona con marito e figli, per una settimana.
E a me, che sarò tre giorni a Cervia, per questioni contingenti, è venuto un po' di magone, di nostalgia di viaggi. Quei viaggi in cui non sei l'unico adulto pensante. In cui non è necessario essere sempre sul pezzo, perchè chi viaggia con te compensa quando tu molli... Insomma, vorrei tornare al giro a Madrid e dintorni, o anche al giro in montagna a ferragosto. Perché trovare il compagno di viaggio giusto - anche quando non è affatto un compagno di vita, ma solo di vacanza - sarebbe davvero perfetto. E mi manca.
Post recenti
Sto ragionando di partecipare al progetto di Ortiamo.
Sto prenotando stanze per pochi giorni di fuga marina.

Sto meditando se aderire al progetto del #BookPostino.
Sto organizzando la trasferta di domani (da compiere necessariamente in macchina).

Si muovono idee, insomma. Il che non è sempre un bene, ma questa volta pare di sì.



le emozioni del mese

Dal gruppo degli appassionati (in prevalenza donne) di Bullet Journal avevo preso un'idea che mi era parsa brillante. Mi era parsa, appunto.
Una specie di tracker delle emozioni e del mood della giornata, un disegnino che permette di ricordare e fissare 'come mi sono sentito oggi'. Chi lo ha proposto è brava a schematizzare: un vasetto per giorno, un cactus per i giorni rabbiosi, un fiore per i giorni felici, un coniglio per i giorni completamente pazzi.
Una sola sensazione al giorno, insomma.
Non ce la faccio. Da sabato ad oggi ho attraversato momenti di sospensione incredula, attimi di felicità, molti nervosi, un po' di tristezza, pizzichi di serenità, tutti mescolati nella giornata. Un rimescolio di cose sconnesse, come i pesci in un acquario, che vivono tutti insieme nella stessa acqua. Come si fa a tradurli in un solo sentimento al giorno?



...si accettano suggerimenti...

il riepilogo dei viaggi - 2017 edition

"Ma queste arrivano da Trieste vero?" "No, da Vicenza" "Ma a Trieste ci sei andata prima o dopo Vicenza?" "Prima mamma, prima".
Sono andata a rileggere i viaggi 2016: pillole di viaggio, fatte in continuazione. Ero in movimento fisico, anche se non mentale e psicologico, lo scorso anno.
E nel 2017?
Sconto una situazione che non mi piace, e dalla quale fatico a sganciarmi, e anche il mio andare ne risente: ho viaggiato poco, e per poco tempo.
Sono andata a Firenze a trovare Lorenza, per esempio.
A Milano per lavoro, ancora spesso.
A La spezia, per la bellissima 'gita Panigacci'.
A Corniolo, nel parco delle foreste casentinesi, per un weekend rigenerante.
A Torino con la mia mamma.
A Bologna, una volta ogni mese e mezzo, perché ci ho trovato il parrucchiere.
Ma non programmo, non ci riesco perché mi ammalo di continuo. Dopo quasi un mese di antibiotico è stato il turno di Carlo con la varicella, e quando finalmente ha concluso lui ho comin…

Let's Go Pocoyo! - Colores (per chi lo vuol vedere)

incubatrice?

Non ne sono certa, ma tra pochi giorni potrei scrivervi dal mio letto mentre cerco di non avvilirmi per aver preso la varicella...
Sì, l'ha presa mio figlio, ed è esplosa il primo di giugno. Quindi per ora siamo in piena incubazione. O forse no.

Comunque procedo.
Sul lavoro, sistemando e cercando di chiarirmi le idee.
Nella formazione, con il corso di inglese e l'ascolto libero di discorsi anche complessi, e la lettura di 'Bon apétit Monsieur Lapin' (che lo so, è in francese, ma anche quello è tremendamente arrugginito e impolverato), e la visione di 'Let's go Pocoyo' in spagnolo, per imparare i 'colores' (amarillo! Roho! Verde! Azul! Arcoiris!) (ci fa molto ridere, Pocoyo).
Nella diet... OK, NO, QUELLA NO. Sono rientrata nel solito circolo vizioso, consumo pagine di quaderno per creare schemi di dieta da rispettare che ogni volta disattendo o ignoro. Oscillo tra il terrorismo psicologico autoindotto e l'indulgenza un filo compiaciuta perchè mi …

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…