Passa ai contenuti principali

notte

Abitare in romagna significa anche avere il locale sotto casa che all'una e mezza di notte ancora continua ad avere la musica 'unz unz' di sottofondo alla non conversazione degli avventori, in questa fine estate ancora torrida, da finestra aperta e da caccia al refolo di corrente per respirare.

Eppure domattina mi toccano esami e controlli vari: se non riesco ad addormentarmi saranno dolori.
Per il risveglio, mica per altro...
Ah, ho sognato ancora.
Ho sognato che un vitello - pony (un vitellino con le zampe corte, di dimensioni ridotte insomma) aspettava in sacrestia. Eravamo in tanti e tutti vestiti a festa - sembrava un matrimonio - e il vitellino, come un cane impaurito, si teneva vicino vicino a uno degli invitati, eletto suo malgrado capobranco e persona di riferimento. Ma non so come, il vitello (pezzato nero, dal muso dolce) ha perso il suo riferimento, già in chiesa e pronto a fare da testimone. Così comincia a seguire me, con l'aria sempre più spaurita e preoccupata. Cerco di tranquillizzarlo con tono suadente, e intanto vado anche io in chiesa, che il tempo passa. Mi siedo in mezzo al pubblico e il vitello si accuccia lì di fianco, sempre preoccupato perchè ha perso il suo riferimento principe. Si placa solo quando lo vede.

Intanto noto che siamo tutti vestiti di scuro (sembra nero, ma potrebbe essere anche blu notte) e che tutti , uomini e donne, abbiamo accessori di color azzurro o turchese o viola, insomma tutti sulla stessa tonalità acqua marina declinata in varie nuances. Arriva un ragazzo bello, alto, riccio e biondo, dall'impeccabile abito scuro e camicia chiara sbottonata sul colletto. Il 'punto di riferimento' della mucca (ovvero, un mio conoscente di nome Mirko) lo apostrofa "Maddai, non ti sarai davvero dimenticato a casa la cravatta? Come si fa con te, come si fa... " e gli porge una cravatta turchese con una sottile righina viola di decorazione - sfondo. Il biondo la mette sorridendo, e dicendo "sapevo di poter contare su di te". E Mirko "Eh, lo sa perfino la mucca"...

fine del sogno: secondo voi, cosa voleva dire?

Commenti

PaolaClara ha detto…
Che devi smetterla di bere!!! Bacio

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…