Passa ai contenuti principali
Una innocente osservazione ieri sera mi ha catapultata nel gorgo della più surreale discussione della storia. Si parlava di beni, servizi e prodotti.
Mi sono ritrovata a discuterne con un sindacalista - e per carità, mi sono accorta da sola che avrei dovuto uscirne immediatamente, dalla discussione, ma non ne avevo le energie - e non ho avuto modo di esprimere (mai) il mio punto di vista. Che, nonostante le premesse, non era tale da motivare una discussione così accanita, perchè non mi opponevo di certo al suo - punto di vista, dico.

Ve la faccio breve: il signore in questione mi ha attaccata al muro perchè a suo parere i fornitori vanno valutati esclusivamente in base al prodotto che forniscono, dunque in base a quanto questo prodotto risponde alle mie richieste in quanto committente.
Fin qui, e in termini così onnicomprensivi, sono d'accordo e non ho difficoltà a riconoscere che questa è una buona base di lavoro.

Avrei voluto ribattere che si tratta di regola troppo generale: per esempio, nel caso di forniture di servizi e di immagine (penso alle pr per conto di aziende, ad esempio), anche lo stile e il valore della persona sono un elemento di valutazione complessiva del servizio e del prodotto fornito dall'azienda.
Perchè, e questa è l'idea mia personale che mi ha trascinato nel gorgo,
se io (azienda committente) do' incarico a un fornitore di beni e servizi perchè mi faccia da 'volto dell'azienda verso terzi' è la mia immagine in gioco.
La struttura che mi fornisce il prodotto è importante, e al suo interno è importante la persona che per conto di quella struttura andrà verso terzi con il mio nome, per creare relazioni.

la seconda questione sul piatto è la seguente.

Se l'azienda è una piccola struttura (diciamo con un solo proprietario) e
questo proprietario non riesce a trasmettere correttamente le mie richieste ai suoi dipendenti,
questo non significa che l'azienda nella sua totalità non mi vada bene - o che non sia in grado per competenze e valore di svolgere il compito per cui l'ho scelta.
Posso ritenere che sia la persona che si interfaccia con me che non va bene, e pensare quindi che con un interlocutore diverso il problema si risolva?
Oppure devo buttare alle ortiche una struttura per una difficoltà con una persona?
E allora non è importante anche il valore della singola persona, come valore aggiunto?

Nel caso della piccola azienda, disgraziatamente, se è il proprietario la persona che mi crea difficoltà probabilmente sceglierò una sua concorrente, che risponde meglio alle mie necessità. Nel caso di una grande azienda, forse riuscirò ad aggirare il problema e a risolverlo, se la struttura mi convince, perchè avrò un interlocutore alternativo interno a cui sottoporre la mia difficoltà - e presumibilmente riuscirò a risolverla.

Bene, non sono riuscita a condividere queste considerazioni.
Non dico convincere - sono disponibile al dialogo - ma semplicemente condividerle.

Perchè NON DEVO PARLARE DI PERSONEEEEE MA ESCLUSIVAMENTE DI PRODOTTO - BENE O SERVIZIO CHE DIR SI VOGLIA. (il maiuscolo è citazione della discussione).

Vorrei il vostro parere...

Commenti

batchiara ha detto…
Avresti dovuto dirgli: "Veda, per dimostrarle che quello che lei dice non e' vero, sappia che lei potrebbe anche aver da dire qualcosa di interessante, ma è talmente antipatico che andrò a parlare con qualcun altro".
Capobelsky ha detto…
Se leggo la cosa con un occhio puramente business, sono d'accordo col sindacalista. Se l'intermediario non ti definisce, punta sul prodotto finale: che te lo dia il Papa o Corona, va bene lo stesso.

C'e' pero una componente di qualsiasi transazione che sta nel process invece che nell'outcome. A seconda della transazione (e a seconda degli individui) si da' piu' o meno importanza al process. Io la ritengo una cosa importante e credo che ogni essere umano (pochi businessmen appartengono a questa categoria) voglia costruire umanamente in ogni relazione. Altrimenti si finisce tutti a prostitute.
Ciao.
emanuele

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

#quellavoltache*

Non è stata una volta sola, come tutte, come tutti. Ce ne sono tre che ricordo meglio delle altre.

La prima è stata a 12 anni, ed è stata #quellavoltache ho subito maggiormente il trauma. Perché ero in vacanza, perché di quell'adulto mi fidavo, perché era parte di un contesto protetto (della bocciofila dove mio nonno passava la giornata, in vacanza, e dove tutti passavamo almeno qualche ora). Dovevo andare dalla bocciofila alla casa della mia amica, oltre la pineta, era sera e questo signore mi ha accompagnata un pezzo. Mi ha palpeggiata: avevo già il seno (era dai 10 anni che si era sviluppata quella parte della mia anatomia); ha tentato di baciarmi. Io mi sono spaventata moltissimo ma non sarei riuscita a scappare, ero impietrita, lui mi ha chiesto di non dirlo a nessuno. Il giorno dopo non volevo entrare in bocciofila, mia madre mi ha chiesto e io le ho raccontato tutto (piangendo): non mi hanno più lasciata entrare in quel posto da sola, e dopo pochi giorni è finita la stagion…

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…