Passa ai contenuti principali

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata (anche molto), ho ripreso le misure alle mie possibilità.

Cosa ho imparato in queste vacanze?
Anzitutto che a mio figlio piace davvero il 'vuoto', lo spazio. E che è davvero un arrampicatore talentuoso: ha chiesto di essere portato a fare arrampicata quanti più giorni possibile (alla fine solo tre, su sette). Arrampicare, in palestra o al parco, lo rasserena e lo rende felice, luminoso, in pace.
Corollario a questo discorso: non mi dispiacerebbe 'coinvolgere' amici maschi che non hanno timori, quando sarà il momento, perchè Carlo mi ha già chiesto di andare in parapendio (si può andare in due, sai, mamma: non ti devi preoccupare). Tra qualche anno, per fortuna.
Io ho scoperto l'esatta misura del mio limite, invece. Ho acconsentito a fare la 'fly line', ovvero quel 'tuffo' in mezzo agli alberi attaccato solo a una carrucola, in mezzo al bosco, ogni tanto puntando dritto verso il vuoto, con pochissimo controllo: per le mie vertigini e la mia paura è stata una prova immane. Sono sopravvissuta, ma ne sono uscita terrorizzata, e ci ho messo due giorni per far scemare una paura che non credevo essere *così* radicata. Magari la prossima volta non mi sperimento quando sono da sola con mio figlio, va'... 
Ho anche scoperto di aver acquisito, negli ultimi anni, una paura più ampia, che non ho mai avuto prima, che è quella per conto terzi. Ne ho parlato con mia madre, che mi ha guardata con comprensione e mi ha detto: "sai, quella paura non passa mai. Nasce dall'amore". Controllarla, ed evitare che diventi un vincolo soffocante, è compito del buon genitore, ma è un sagrin (per i non piemontesi, non ho la parola equivalente in italiano ma solo in francese : uno 'chagrin') che non ti abbandona più, e che si fa sentire di più, ovviamente, quando i figli scelgono di fare cose al di fuori del tuo orizzonte abituale.

Cosa mi è mancato: un tempo solo per me. Per questo, da domenica scorsa, ho deciso che andrò a camminare almeno 40 minuti tutti i giorni senza nessuno intorno, senza obiettivo, e senza vincoli. per recuperare me, e vedere dove sono finita.

Agosto, sei stato un tempo ricco: grazie.




Commenti

Post popolari in questo blog

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…