Passa ai contenuti principali

post frivolo - qui si parla di dieta a zona

Dopo mesi in cui mi arrabattavo per conto mio, cercando di stare a dieta, è successa una cosa.
Ho telefonato al mio medico di base. Lui mi ha intimato di compiere alcuni passi, e così...
  • un mese di dieta a zona
  • un mese di almeno mezz'ora di camminata, almeno 3/4 volte a settimana
  • un appuntamento con il mio medico di base subito dopo pasqua
  • esami del sangue e delle urine.
Esami alla mano, vedremo...
Alla mia domanda "devo rivolgermi a un dietologo?" la sua risposta è stata "Ma io credo che lei ce la faccia da sola, per un mese... tenga botta!"

E così, ieri sera sono andata ad acquistare un manuale per la dieta a zona spiegata bene, passo passo. E da oggi sto cercando di seguire le indicazioni. Che segno anche qui, a futura memoria. Per smettere di lamentarmi che non mangio. Per rendermi conto che ce la posso fare. Perchè ho un feroce mal di testa e credo andrò a prendere il secondo tè verde della giornata, visto che ho dovuto chiudere i ponti con il caffè...

Colazione - ricotta magra, 2 fette biscottate, un cucchiaino di marmellata, una tazza di tè verde.
Spuntino - uno yogurt magro bianco
Pranzo - broccoli al curry, 100 grammi di sgombro, un'arancia piccola, mezza fetta di pane
Spuntino - una mela e 20 grammi di parmigiano
Cena - insalata belga e polpette di tonno al sesamo, mezza arancia, mezza mela
Prima di dormire - 200 ml latte scremato (saltato)

In tutto questo, bere 'almeno' 2 litri d'acqua al giorno.
Due. Litri.
Sono a metà del percorso e la bottiglia mi sta sbeffeggiando dalla scrivania.

Ma stavolta devo: ordine del medico... 

Commenti

Anonimo ha detto…
so che ci sono app del telefono fatte apposta per farti bere, che suonano un campanellino ogni tot. prova a cercarle, ho sentito dire che funzionano (io bevo come una disperata, per cui non le ho mai provate)
in bocca al lupo! :)
monicabionda ha detto…
grazie ! :)

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…

giugno, part one

Pensieri sparsi, necessari.
Le cose frivole: ho ripreso a uscire (cosa assai buona); ho ripreso a vedere film (anche questa, cosa assai buona).
Le cose medie: mi tappo ancora occhi e orecchie e mani davanti a cose che devo affrontare ma che mi spaventano moltissimo.
Le cose serie: tre volte in ospedale da inizio anno, due con mamma e una con papà. #anchemeno, per favore.