Passa ai contenuti principali

dalle radici al cielo

La nebbia. avevo quasi dimenticato la sua faccia.
Il colore degli alberi, anche quello l'avevo dimenticato.
Vivo da tempo in posti più colorati, più chiassosi, più lievi di quello in cui sono cresciuta. E senza rendermene conto quei posti, così invadenti e naif, scaltri ma inconsapevoli, mi hanno cambiata, profondamente, più di quel che percepisco all'osservazione superficiale.
Non sono più 'sabauda' e non sarò mai 'romagnola', ma un incrocio di caratteri che mi fanno persona.

In questi giorni, costretta ad attraversare lentamente i luoghi dell'infanzia, il mio respiro riprende il ritmo familiare, quel misto di ansia di essere in ritardo e concentrazione, quel 'c'è da fare' che si intreccia con 'però guardati intorno, perché tutto questo è un dono da non sprecare'.
Ieri ho parlato con una ragazza di Bermuda, una ragazza spagnola con fidanzato veneto, e poi con zia e cugini che non si sono mai allontanati dal nord del Piemonte per più di due settimane.
Sono respiri diversi. Sono mondi diversi.

Ma è la gentilezza che fa muovere entrambi i mondi. E forse è la gentilezza, e la centratura, che mi permetterà di uscire da questa faticosa empasse di vita e di pensieri, passati a rincorrere il vento e a perdere il contatto con la terra.
Ieri un amico mi ha comunicato un nuovo cambio di vita e di lavoro. E, una volta di più, mi chiedo in quale direzione invece è necessario orientare la mia vita, se radicata o se fluida, in continuo movimento

Commenti

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…

giugno, part one

Pensieri sparsi, necessari.
Le cose frivole: ho ripreso a uscire (cosa assai buona); ho ripreso a vedere film (anche questa, cosa assai buona).
Le cose medie: mi tappo ancora occhi e orecchie e mani davanti a cose che devo affrontare ma che mi spaventano moltissimo.
Le cose serie: tre volte in ospedale da inizio anno, due con mamma e una con papà. #anchemeno, per favore.