Passa ai contenuti principali
Genova è il mare, il bagno "sei proprio una svedese ... è un bene, eh" in mutande e canottiera 'io vado mamma', l'albergo che è albergo, e non casa, ma dove si dorme bene ugualmente, il porto e la vista sul porto, la pizza margherita e il libro della gallina, il vascello di capitan Uncino e le persone: Barbara, Gennaro, "quei signori". E' sentirsi placcare perchè "no, tu non puoi salire sul palco". E' la mamma che si sente chiedere "signora ma è sempre così?" "Sì'" "omamma".
E' anche salire sugli scogli da solo, senza farsi spaventare dall'ostacolo.
E poi è tre treni, mamma, uno, due e tre. E' "dov'è quel signore, mamma? voglio tornare da quel signore, mamma (Gennaro)"
E il sonno, incontrastato signore dei viaggi di ritorno.

Torino è Luigi, Francesca, Sara e soprattutto "il gatto mamma". Ed è anche - di nuovo - "quei signori", un'altra Barbara ("voglio andare dalla Barbara del bar, mamma!"), la focaccia ligure, la bottiglietta d'acqua da riempire a casa della zia Mauuiilia, Carmela dov'è mamma? Ed è "adesso Luigi torna mamma, io voglio andare dal gatto... "

Collegno è la perplessità di mamma per essere in una casa vuota, "non mi piace questa casa mamma per dormire andiamo dal gatto mamma?", è la spesa, è la cena a base di agnolottini cotti troppo poco e carote buone, è "ho ancora un po' di fame mamma", è addormentarsi dopo la mezzanotte, è "Ho un segreto mamma " (un bellissimo libro sulle famiglie e sui risvegli mattutini.. )

Il matrimonio di Pier e Chiara è Sveva, correre, giocare, saltare, le bolle, dov'è il mio pacco mamma, la maglietta nuova, il posto bello, essere luridi prima ancora che arrivi la sposa, la mamma che riceve inaspettati complimenti al bar, per entrambi, una giornata lunghissima e bella davvero, e un sonno che non arriva per le troppe emozioni.

La domenica da Silvana è Danilo soprattutto ("quel signore" "come si chiama?" "Danilo!"), è la bimba in treno "ludovica, mamma, si chiama ludovica", pranzare insieme, aspettare in silenzio che mamma finisca di mangiare, rendere fieri Danilo e Silvana (e la mamma di conseguenza), fare amicizia con tutti i vicini in trenta secondi, andare a vedere i cavalli, accarezzare uno stallone, vedere una cavalla in fuga, andare a prendere il treno, farsi venire in mente che "mamma devo fare pipì" alle 18.49, mentre il treno - in orario - sarebbe arrivato dopo un minuto esatto, sopportare la mamma esausta e addormentarsi per le troppe troppe emozioni appena saliti in treno - dopo la pipì.

I giorni di vacanza sono bellissimi faticosi emozionanti e lasciano sempre un po' esposti.
Ho pensato che andremo al mare in posti rocciosi - con gli scogli. Ma non da soli, non credo arriverei a sera.

Commenti

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…