Passa ai contenuti principali
Genova è il mare, il bagno "sei proprio una svedese ... è un bene, eh" in mutande e canottiera 'io vado mamma', l'albergo che è albergo, e non casa, ma dove si dorme bene ugualmente, il porto e la vista sul porto, la pizza margherita e il libro della gallina, il vascello di capitan Uncino e le persone: Barbara, Gennaro, "quei signori". E' sentirsi placcare perchè "no, tu non puoi salire sul palco". E' la mamma che si sente chiedere "signora ma è sempre così?" "Sì'" "omamma".
E' anche salire sugli scogli da solo, senza farsi spaventare dall'ostacolo.
E poi è tre treni, mamma, uno, due e tre. E' "dov'è quel signore, mamma? voglio tornare da quel signore, mamma (Gennaro)"
E il sonno, incontrastato signore dei viaggi di ritorno.

Torino è Luigi, Francesca, Sara e soprattutto "il gatto mamma". Ed è anche - di nuovo - "quei signori", un'altra Barbara ("voglio andare dalla Barbara del bar, mamma!"), la focaccia ligure, la bottiglietta d'acqua da riempire a casa della zia Mauuiilia, Carmela dov'è mamma? Ed è "adesso Luigi torna mamma, io voglio andare dal gatto... "

Collegno è la perplessità di mamma per essere in una casa vuota, "non mi piace questa casa mamma per dormire andiamo dal gatto mamma?", è la spesa, è la cena a base di agnolottini cotti troppo poco e carote buone, è "ho ancora un po' di fame mamma", è addormentarsi dopo la mezzanotte, è "Ho un segreto mamma " (un bellissimo libro sulle famiglie e sui risvegli mattutini.. )

Il matrimonio di Pier e Chiara è Sveva, correre, giocare, saltare, le bolle, dov'è il mio pacco mamma, la maglietta nuova, il posto bello, essere luridi prima ancora che arrivi la sposa, la mamma che riceve inaspettati complimenti al bar, per entrambi, una giornata lunghissima e bella davvero, e un sonno che non arriva per le troppe emozioni.

La domenica da Silvana è Danilo soprattutto ("quel signore" "come si chiama?" "Danilo!"), è la bimba in treno "ludovica, mamma, si chiama ludovica", pranzare insieme, aspettare in silenzio che mamma finisca di mangiare, rendere fieri Danilo e Silvana (e la mamma di conseguenza), fare amicizia con tutti i vicini in trenta secondi, andare a vedere i cavalli, accarezzare uno stallone, vedere una cavalla in fuga, andare a prendere il treno, farsi venire in mente che "mamma devo fare pipì" alle 18.49, mentre il treno - in orario - sarebbe arrivato dopo un minuto esatto, sopportare la mamma esausta e addormentarsi per le troppe troppe emozioni appena saliti in treno - dopo la pipì.

I giorni di vacanza sono bellissimi faticosi emozionanti e lasciano sempre un po' esposti.
Ho pensato che andremo al mare in posti rocciosi - con gli scogli. Ma non da soli, non credo arriverei a sera.

Commenti

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…

giugno, part one

Pensieri sparsi, necessari.
Le cose frivole: ho ripreso a uscire (cosa assai buona); ho ripreso a vedere film (anche questa, cosa assai buona).
Le cose medie: mi tappo ancora occhi e orecchie e mani davanti a cose che devo affrontare ma che mi spaventano moltissimo.
Le cose serie: tre volte in ospedale da inizio anno, due con mamma e una con papà. #anchemeno, per favore.