Passa ai contenuti principali

certi weekend sono più devastanti di altri

... nel senso che tornare al lavoro è più faticoso ;)

Abbiamo passato il 25 aprile (anzi, il 26, a voler essere precisi) ad ascoltare il reading delle Schegge di Tempesta resistenti, a Carpi (Modena), incontrando amici di vecchia data e amici un po' più nuovi, ottenendo un giro in macchina all'andata e uno al ritorno senza alcun problema (niente mal d'auto: è la prima volta in assoluto, ed è una bellissima notizia).
E il giro è piaciuto talmente tanto che il piccolo ha dichiarato "Sai nonna la mia casa è a Cappi (Carpi) ma la mamma mi ha portato via!"

Nemmeno il tempo di abituarsi alla routine lavorativa che è partito un nuovo weekend lungo.
E questa volta abbiamo mantenuto un bel ritmo di marcia.
Venerdì, casa al mattino e giro al parco nel pomeriggio, con incontri preziosissimi: c'era l'amico del cuore, al parco, che ha totalmente catalizzato l'attenzione. Anche quando sono arrivati altri compagni d'asilo. Ha perfino vinto sul gelato!
Sabato: era necessario un bel giro all'Outlet  (che ok, non è il posto migliore per un bambino, ma ha un bel parco giochi interno) per trovare l'abbigliamento per il matrimonio di fine maggio: Il provvidenziale sonno del pomeriggio mi ha consentito anche di comprare le scarpe nuove al piccoletto, che ora raggiunge la doppia ragguardevole quota di un metro e 6 cm, come altezza, e di 29, come numero di scarpa.
La domenica è stato il turno della piscina, con lo zio Paolo: chiesta dal piccolo a gran voce, è stata una ottima scelta. Bella perchè è servita a fare sport, bella perchè abbiamo ripreso una lenta confidenza con l'acqua, bella perchè siamo tornati a casa con un buon appetito. Al pomeriggio mamma ---> ordine e pulizie, mentre piccoletto ---> giochi tranquilli e sonno anticipato (ha dormito dalle sei di sera alle dieci e mezza di sera, e poi di nuovo da mezzanotte alle otto di stamattina).

Adesso si tratta di programmare le prossime settimane in modo sensato (già mi spavento... )


Commenti

Post popolari in questo blog

#quellavoltache*

Non è stata una volta sola, come tutte, come tutti. Ce ne sono tre che ricordo meglio delle altre.

La prima è stata a 12 anni, ed è stata #quellavoltache ho subito maggiormente il trauma. Perché ero in vacanza, perché di quell'adulto mi fidavo, perché era parte di un contesto protetto (della bocciofila dove mio nonno passava la giornata, in vacanza, e dove tutti passavamo almeno qualche ora). Dovevo andare dalla bocciofila alla casa della mia amica, oltre la pineta, era sera e questo signore mi ha accompagnata un pezzo. Mi ha palpeggiata: avevo già il seno (era dai 10 anni che si era sviluppata quella parte della mia anatomia); ha tentato di baciarmi. Io mi sono spaventata moltissimo ma non sarei riuscita a scappare, ero impietrita, lui mi ha chiesto di non dirlo a nessuno. Il giorno dopo non volevo entrare in bocciofila, mia madre mi ha chiesto e io le ho raccontato tutto (piangendo): non mi hanno più lasciata entrare in quel posto da sola, e dopo pochi giorni è finita la stagion…

Inizio di ottobre, chiusura di un ciclo

Due giorni che valgono mille. In attesa di mettere ordine, almeno prendo nota. Sabato 30 è stata la festa di compleanno di Andrea, l'amico da sempre. 50 anni. Una  bella, bellissima festa con oltre 100 persone. Una festa che è durata dal pomeriggio alla notte, con gente da tutta Italia, e balli e musica e bambini e vecchi amici.
Domenica 1 ottobre è stato l'arrivo di Francesca, casuale ospite molto gradita che è stata inserita suo malgrado in un turbine di eventi. È stata la messa di commiato di don Ivo, il saluto dopo 31 anni in parrocchia, la commozione, i canti... il fastidio per le stesse vecchie dinamiche che sarebbero da scardinare a calcioni (e don Ivo lo sa bene) ma che vengono quasi esibite al suono della frase più odiata "noi siam fatti così!".
È stato l'arrivare in parrocchia come quella prima volta ad ottobre 1993 ed essere ricevuta come allora dalla stessa persona (sorridente, stavolta a differenza di allora).
È stata, domenica, la corsa in ospedale …

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…