Passa ai contenuti principali

bruxelles per due - seconda parte

Non ch abbiamo messo così tanto tempo (due settimane) a "vivere" Bruxeles, sono io che non ho avuto modo di aggiornare il blog, sorry

Comunque, il venerdì è cominciato benissimo, con una abbondante colazione offerta dall'host e con l'organizzazione dei bagagli e delle cose da portar via. Già, perchè ci siamo spostati nel quartiere residenziale, oltre la Foret de soigne, a casa di una delle mie amiche di più lunga data.
Prima di incontrarla, abbiamo fatto in tempo a girare, riprendere la metropolitana, fare colazione (la seconda) al parco, passeggiare un po' per la zona pedonale della città, incantarci davanti al pupazzo meccanico di una "nonna" che lavora il merletto, decidere che era ora di fermarsi a pranzo e individuare un altro posto poco rischioso (un Exki, dove ho trovato fagottini di sfoglia da mangiare in due: a lui la sfoglia, a me il ripieno).
Ma siccome il mondo è piccolo e qualche volta pure piccolissimo, il nostro pranzo comune è passato in gradevole compagnia di una collega milanese incontrata per puro caso alla cassa, mentre attendevamo di pagare. A farlo apposta non ci saremmo riuscite mai e poi mai.
E poi finalmente siamo stati a casa della mia amica T. e della sua tradizionalissima e giramondo famiglia (un marito e tre figlie di età comprese tra 7 e 12 anni).Casa in una zona molto residenziale (pertanto servita malissimo da qualunque mezzo di trasporto, macchina esclusa), figlie molto impegnate (tennis, danza, hockey su prato), giornate molto piovose - quasi sempre: ha congiurato tutto per evitare ulteriori bighellonamenti senza meta. Ma è stato un bel weekend, comunque.
Il piccoletto si è adattato benissimo, o quasi, e sarebbe rimasto sempre sempre sempre nella mansarda a giocare con "quella bambina, mamma, viene a giocare al mercato mamma? la chiamiamo mamma? Il prossimo prego!". Ha appreso in fretta che "pallano in inglese mamma. Ma noi initaliano (tuttattaccato) però". Ha desiderato di tornare indietro, a prendere T. che si è "sballiata, mamma, è rimasta indietro, addiamo a prenderla mamma. io voglio restare a Buuussel mamma, non prendo l'aero!"

E ogni tanto, ancora oggi, nonostante siano passate settimane, si mette lo zaino rosso sulle spalle e mi dice che dobbiamo andare.

Commenti

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…