Passa ai contenuti principali

IRA, o semplice passione vitale?

Spesso sono categorica nei confronti degli altri. Spesso mi arrabbio per quello che vedo intorno a me, e per quello che viene detto, o viene fatto.

Ci sono stati periodi in cui tutto mi scivolava addosso. Non erano periodi buoni, ero come isolata dal resto del mondo.

Adesso che nel mondo sono tornata e mi sono buttata "con tutte le scarpe", come avrebbe detto il nonno, le arrabbiature sono ricomparse prepotentemente nella mia vita.
Mi arrabbio per chi segue filosofie "filosofeggianti", che mi paiono solo un palliativo per gli stolti, o un modo per dire "noi siamo migliori di chi ci ha preceduto".
Mi arrabbio per le perdite di tempo, nel tempo libero. Penso che ogni secondo è prezioso, e poi mi avviluppo nella pigrizia, e mi autoflagello perchè non mi sono data da fare.
Mi arrabbio per quegli adulti che danno 'vestiti mentali' ai bambini, descrivendoli come troppo vivaci, incapaci di silenzio, incapaci di tranquillità, e trasformando le loro stesse parole in profezie che si autoavverano.
Mi arrabbio per chi lavora con approssimazione, o - ma questo è peggio - per chi non ha talento.
Ed è inutile arrabbiarsi, in questo caso: perchè se non vedi che la combinazione di colori e immagini, così come la proponi, è priva di qualunque spirito, brio, mordente che dir si voglia, non è la mia arrabbiatura che ti farà diventare un novello keith haring, qualcuno con qualcosa da trasmettere. Se non sai estrapolare i concetti chiave di un messaggio, non è arrabbiandomi che tu imparerai.
Però io mi sarò sfogata...

(nota al margine
tutte queste arrabbiature hanno un risvolto negativo da cui non riesco a liberarmi: se loro non sono capaci, forse sono io che avrei dovuto capirlo prima (e non scegliere loro)? Ho sbagliato nel valutare? Non ho capito - non ho visto - non ho percepito? E la prossima volta, come posso fare per evitare di ricadere nel medesimo errore? Non ho ancora trovato risposta ad alcuna di queste domande)

Commenti

Renata_ontanoverde ha detto…
Il grande Osho ha dato un suggerimento al suo amico che si lasciava prendere dall'ira. Gli disse, immagina di avere un biglietto (anche immaginario) in tasca (anche immaginaria) su cui ci sia scritto "io sono arrabbiato". Quando l'ira si impossessa di te, immagina di prendere il biglietto fuori dalla tasca, leggerlo e poi riporlo in tasca. Questo sistema porta dal subconscio al conscio il sentimento dell'ira. Il conscio automaticamente trova la soluzione. E' capitato anche a me, con il mio capo che urlava ed insultava. Facile perdere le staffe. Se anch'io mi arrabbiavo, io stavo male e lui si sfogava. Invece il biglietto mi salvò l'anima. Quando l'avevo "rimesso in tasca" la mia rabbia scemava ed ero "lucida" talmente da incanalare la rabbia e prospettargli la soluzione che volevo, premettendo un "se vuole, possiamo provare così" al che la sua rabbia scemava mentre mentalmente considerava la mia soluzione ed alla fine dava il suo "placet"... salvandosi la faccia....
Spero che questo suggerimento possa aiutarti. Con la mente rosa dall'ira non si riesce a controbattere in modo corretto e la rabbia porta spesso dalla parte del torto anche se hai ragione da vendere.
In bocca al lupo :D

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…

giugno, part one

Pensieri sparsi, necessari.
Le cose frivole: ho ripreso a uscire (cosa assai buona); ho ripreso a vedere film (anche questa, cosa assai buona).
Le cose medie: mi tappo ancora occhi e orecchie e mani davanti a cose che devo affrontare ma che mi spaventano moltissimo.
Le cose serie: tre volte in ospedale da inizio anno, due con mamma e una con papà. #anchemeno, per favore.