Passa ai contenuti principali

#PROPOSITI 2015

E poi, naturalmente, c'è il post sui buoni propositi per l'anno che verrà. Quelli ciclici, che ogni anno si riaffacciano alla memoria e vengono prontamente abbandonati al loro destino intorno a marzo. Quelli impegnativi, che vengono pronunciati già sapendo che non si sarà in grado di mantenerli. E quelli inconsapevoli, che si declamano senza rendersi conto esattamente di ciò che implicano, e che sopravviveranno solamente se la loro attuazione sarà leggera, come l'aria.

Non sono una da propositi e proclami, organizzazione e decisioni granitiche. Ma ho trovato in rete uno schema di buoni propositi, e ho provato ad integrarlo con le mie buone intenzioni, sperando che questa sia la volta buona :D
Eccoli, i miei propositi

LUNGIMIRANTI (che stanno nel quadrato tra la razionalità e il progettare): 
  1. Pianificare di più (o meglio) e rispettare i piani
  2. imparare a parlare fluentemente una lingua diversa da quelle che già conosco
  3. mettere qualcosa da parte ogni mese
 IDEALISTI (nel quadrato tra il progettare e ciò che procura emozione)
  1. leggere tutti i volumi di un grande classico della letteratura (quale, ancora non so: me ne mancano molti)
  2. mettersi a dieta per davvero e per più di un mese intero

EDONISTI (nel quadrato tra ciò che procura emozione e la quotidianità)
  1.  viaggiare di più
  2. (**** *** *****)
  3. andare - tornare più spesso - al cinema o meglio ancora a teatro

CONCRETI (nel quadrato tra  la quotidianità e la razionalità)
  1. smettere di posporre la sveglia (e alzarmi al primo suono)
  2. impormi di non mangiare schifezze - siano esse dolci o salate
  3. non spendere a vanvera solo per avere qualcosa da leggere
 a incastro, su tutti, c'è "Fare sport": e vuoi non apprezzare un buon intento come quello?

Ma io non mi sono fermata: ho aggiunto i propositi miei - miei, quelli personali, elaborati al di fuori dello schemino e che non ho voglia di inserire in una casella, perchè sono quelli che vorrei non perdere per strada
  • Imparare qualcosa di nuovo ogni mese
  • Correggere i difetti lavorativi (che può rientrare nel punto precedente, in effetti)
  • Essere un genitore e una figlia presente ma non prevaricante

Commenti

Barbara Boattini ha detto…
Ma che bello schema, mi sa che te lo copio! Anche tra i miei buoni propositi c'è di fare sport, almeno continuare quello che sto facendo. Io ho inserito anche: esercitare la gratitudine e prendere le cose più alla leggera. E poi il proposito sula lettura dei classici, quello va avanti da anni, a fasi alterne!

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…