Passa ai contenuti principali

pausa giochino

Marta, che è andata a vivere dall'altra parte del mondo insieme ad Andrea e Davide, mi ha coinvolta in un giochino - catena, di quelli che si fanno per passare il tempo e per raccontare spizzichi e bocconi di sé, senza diventare troppo seri. E visto che oggi sono in pieno "blocco creativo" provo a sbloccarmi partecipando.
E' un giochino che parla di gatti: io di gatti non ne ho, ma lo faccio ugualmente

curioso

1 - inserisci la foto del gatto curioso: eccola, è questa. 
passiamo alla domanda successiva...









2 - rispondi alle cinque domande che seguono:
 esponi il tuo abbigliamento tipo di quando avevi 14 anni.
Dunque, a 14 anni ero in terza media. Avevo appena tagliato i capelli cortissimi, e anche allora come adesso adoravo i pantaloni e detestavo le gonne. Con la sola clamorosa eccezione di un golfino di lana d'angora a rigoni bianchi e turchesi, lavorato a mano e tutto traforato, per il resto il mio abbigliamento era un tripudio di decori scozzesi e quadri - quadretti - quadrotti ecc. Avevo gonne pantalone che ricordavano vagamente i kilt, pantaloni grigio scuri con lievissime linee a fare i quadri bordeaux, un improbabile paio di pantaloni rossi scozzesi. Lo ammetto, ero coordinata ma non brillavo per sobrietà.
hai qualche qualità eccezionale che nessuno sembra apprezzare (IDIOTI)? raccontaci.
Ho un fiuto eccezionale per il tartufNO, OK, SCHERZAVO. Sono capace di isolarmi completamente dal resto del mondo, quando faccio qualcosa che mi appassiona veramente (mi capita leggendo: una volta o due ho rischiato di non scendere in tempo dal treno, perchè ero immersa nella lettura di qualcosa di appassionante per me in quel momento) o quando sono per davvero sotto pressione. Questo mi è necessario a ridosso delle scadenze, quando bisogna concentrarsi al massimo e dare le risposte giuste al momento giusto. Non so se gli altri si accorgono di questa mia caratteristica.
La serie tv che nonostante sei conscia/o che FACCIA C**ARE guardi con commovente zelo mentre la tua mente ti comunica “dai, magari la prossima puntata sarà meglio” (spoiler: non sarà MAI meglio)
Per un certo periodo ho guardato con convinzione Ghost Wisperer, pur essendo consapevole che gli sceneggiatori avevano cominciato a pescare a casaccio nel mucchio delle convinzioni generali sul paranormale. Adesso mi è passata (ma sono passate un sacco di cose, da quando ho un figlio: sprecare tempo utile non è più una delle possibilità della giornata, in effetti).
A che età hai imparato ad usare la lavatrice?
Urca, non me lo ricordo. Credo di aver dovuto gestire la casa in modo adulto - lavatrice completa - a 26 anni, quando mio padre è stato ricoverato per la prima volta. Prima (ai tempi del trasferimento a Milano, 19 anni o giù di lì) la lavatrice non c'era, e quindi non avevo avuto necessità di prendere dimestichezza con quello specifico elettrodomestico. Sullo stirare ero più preparata :)
Descrivici il tuo comfort food per eccellenza, ossia, per la rubrica “Speak as you eat”, cosa mangi per tirarti su di morale?
Il cibo consolatorio è per me senza dubbio il semolino. Anche se è tallonato a brevissima distanza dalla minestrina con le stelline e un sacco di parmigiano sopra.
3 - Ora viene il bello, nominare altri 5 blogger che dovranno proseguire la catena.
questa è la parte difficile, anche perchè ormai da tempo la mia rete di amicizie blogghistiche è un po' "ferma". Ma ci provo ugualmente, che magari vi andrà di farlo
Paola, Le storie di Clara
Silvia, La stanza di Phoebe
Barbara, Mamma Argonauta
E poi vediamo se Stefano (ciccioquellovero) fa riemergere dalle nebbie il suo blog
L'ultimo potrebbe essere Sante (anche se temo che non sia proprio il suo genere, e dubito parteciperà).
Sentitevi come sempre liberi di fare anche voi la vostra lista. Se vi va, fatemelo sapere.

Commenti

PaolaClara ha detto…
fatto ora...

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…