Passa ai contenuti principali

Parole e letture: agosto prezioso

Ho bisogno di leggere come dell'aria che respiro. Ci si rende conto che non sto bene quando mancano libri nella mia borsa, sulla scrivania o sul comodino. Qualche volta dovrei leggere meglio, o di cose maggiormente tecniche. A volte mi accontento di rifiugiarmi nelle letture conosciute, per non farmi amareggiare da scritture mal riuscite o da storie farraginose e faticose. Nell'attesa di affrontare alcuni libri da comodino che mi attendono ormai da tre anni, per questo tempo di rientro ho scelto libri che mi conciliano con il mondo, e che mi fanno ridere. Sono 
che ho adorato nella traduzione italiana e che dunque direi che posso permettermi di affrontare in inglese;
che non è una lettura impegnativa e che credo di non avere mai finito, ma di aver sempre sbocconcellato, un pezzetto qui e uno là, perchè le descrizioni di questa strampalata famiglia e dell'altrettanto strampalato etologo narratore sono davvero esilaranti.

Poi sulla scrivania campeggia anche questo:
perchè ogni volta che rientro da un tempo di rigenerazione la mia buona intenzione è quella di riprendere dimestichezza con un vocabolario più articolato e ricco di quello che uso abitualmente. E il vocabolario è un supporto indispensabile, in questi casi.

Nel frattempo mio figlio cresce, rientra pian piano (come me) nella routine quotidiana, e mi accoglie alla sera con "Caffè, mamma?". La sua lettura da comodino per la notte è questa
perchè il signor bruco "il sabato mangiò un dolce al cioccolato, un gelato, un cetriolo, una fetta di formaggio, una fetta di salame, un leccalecca, una fetta di pandolce, una salsiccia, una pastina e una fetta di anguria. Alla sera aveva il mal di pancia" , e il suo mantra della buonanotte è imparare tutte queste parole (che, devo dire, gli riescono abbastanza bene con la sola eccezione dell'<> - anguria).

Insomma, leggiamo. E ci fa un gran bene.


Commenti

Renata_ontanoverde ha detto…
Durrell è magico, potresti leggerlo a tuo figlio !! Per tuo figlio quando crescerà un po' consiglio anche Roal Dhal.. mia figlia ha collezionato tutti i suoi libri da cui non si stacca fino alla fine... buona fine d'estate! Renata
Renata_ontanoverde ha detto…
P.S. Un'altra lettura piacevole con tanto humor e tanta natura è quella di James Herriot.

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…

giugno, part one

Pensieri sparsi, necessari.
Le cose frivole: ho ripreso a uscire (cosa assai buona); ho ripreso a vedere film (anche questa, cosa assai buona).
Le cose medie: mi tappo ancora occhi e orecchie e mani davanti a cose che devo affrontare ma che mi spaventano moltissimo.
Le cose serie: tre volte in ospedale da inizio anno, due con mamma e una con papà. #anchemeno, per favore.