Passa ai contenuti principali

Lugliembre, andiamo, è quasi tempo di migrare

Luglio si sta chiudendo e io non sono pronta.
Ho in mente post che svaniscono alla luce del giorno, ho vissuto serate belle e giornate stracolme di impegni; corro dietro alle scadenze e anelo a momenti di tregua...


E proprio perchè è stato un mese bello denso, vediamo cosa ho imparato.
  • Quando quello che fai (lavorativamente parlando) non ti corrisponde più, o quello che ritieni giusto non è quello che ti viene indicato come prioritario e indispensabile, è importante mantenere coerenza e onestà intellettuale e decidere il meglio per la tua vita. E se possibile, i soldi non devono essere la sola variabile che si mette sul piatto 
tanto di cappello al quasi collega che dopo oltre 20 anni di lavoro nel medesimo posto ha deciso di abbandonare, per coerenza e onestà intellettuale, senza avere una solida alternativa pronta

  • Sono un animale sociale, in fondo: partecipare al matrimonio della mia figlioccia mi ha reso chiaro questo concetto, che avevo un po' perso di vista
corollario: quanta gente, quanta!, riesce a vivere una intera vita senza aver visto, della vita stessa, che uno spicchio assai piccino. Io che spesso deploro, per me stessa, il non avere un ruolo incasellato e definito, dovrei ricordarmi che non cambierei mai la conoscenza con l'incasellamento, per quanto gradevole. 
  • è stato un mese di uscite ( sotto punto del punto precedente): ho ritrovato vecchi colleghi che non vedevo da almeno tre anni, ho scoperto posti belli, ho ascoltato musica che mi ha riconciliata con il mondo. Ho scoperto che sì, mi piace uscire la sera, a patto che l'uscita soddisfi alcuni requisiti base (che sia per fare cose o vedere posti, che sia con gente gradevole e intelligente, che non ci siano aspettative troppo elevate, che si possa stare in mezzo alla natura). Il concerto di compleanno brisighellese ha soddisfatto tutte queste aspettative (ero qui).
    Il matrimonio pure (ero qui).
    La cena di compleanno al mare... no, ma me la sono goduta lo stesso, abbastanza (e giusto per completare, ero qui)
  • ho vissuto una delle più divertenti colazioni di chiacchiere e risate domenicali degli ultimi anni. La sorellanza a volte è una gran cosa! Corollario: l'avventura di splinder mi ha lasciato in eredità alcuni dei miei migliori amici di oggi.
  •  ho scoperto l'esistenza dei gruppi su whatsapp. Belli, eh, ma a volte un filino invadenti... 
  •  ho realizzato che l'aspettativa di vita di mio padre non è alta. niente affatto alta. non sono pronta, ma temo che non lo sarò mai comunque. 

  • ho capito anche che i legami familiari sono complicati da tenere in piedi, quando non ci sono più i parenti anziani. Corollario: ci sono giorni in cui la mancanza della nonna è davvero lancinante.
 E non vedo l'ora di partire per la montagna...

     
     

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…