Passa ai contenuti principali

pensieri sparsi (molto sparsi)

(nota a margine: ho spinto pubblica prima di aver scritto il post, direi che è proprio lunedì)

"il Papa dice di ascoltare i nonni" .. e leggo in giro di nonni bestemmiatori seriali, violenti, arrabbiati con il mondo, retrogradi e mai saggi.
E mentre una persona che conosco sta soffrendo per i problemi di salute della suocera (smentendo in modo eclatante i luoghi comuni sull'incompatibilità nuora - suocera) rifletto che ognuno di noi rende generale, e assolutizza, la propria esperienza personale, E quando si deve attingere a un esempio condiviso si pesca sempre (o quasi) dal proprio vissuto.
Ecco perchè è importante che nei primi anni di vita riusciamo ad avere esperienze positive e premianti di affetto, di relazioni, di confronto.
Il Papa che parla di nonni affettuosi e saggi fa riferimento ad un immaginario collettivo, ma anche - ne sono certa - alla sua esperienza personale di bambino molto amato dai nonni, depositari di saggezza familiare.
E' una esperienza che condivido, i miei nonni - ognuno a modo suo - mi hanno fatto sentire libera e molto amata.

E poi sento di gente che si vuol separare dopo cinquant'anni di vita insieme perchè "non abbiamo più gli stessi interessi". E allora penso a cosa davvero tiene insieme le persone. L'attrazione fisica dicono scompaia dopo tre anni (ma tre anni effettivi di vita in comune? o tre anni di "stiamo insieme"? oppure è solo una questione di chimica che si affievolisce? e c'è un modo per tenerla più viva, o perlomeno meno tremolante?). E il resto? che cosa fa di due persone una coppia innamorata? e l'amore, di cosa ha bisogno per vivere?

Mi si dice "poche rotture di scatole": Vero anche questo, una persona asfissiante o ansiosa non aiuta la crescita di un amore adulto. E mi si dice anche "un progetto comune"... e qui secondo me ci si impantana un po'... è sempre indispensabile un progetto comune? e per progetto comune si intende qualcosa di grande (la stessa idea di famiglia, i figli, una passione) oppure valgono anche piccoli progetti concatenati fra loro?
Insomma, secondo me le variabili sono tante... proverò ad approfondire

Commenti

PaolaClara ha detto…
Commentare qui, nonostante il dissuasore lì sotto...
Certe mie relazioni sono finite in noia prima ancora di arrivare a due anni di "stiamo insieme", l'unico che ho sposato l'ho sposato prima di conoscerlo (perché altrimenti... secondo te?) e ho passato i primi anni in un inferno in cui non solo non c'era un progetto in comune ma stavamo costruendo un muro alto e spesso tra noi.
Progetti e interessi comuni? Bah. A volte serve, a volte ti fa passare tutto ma proprio tutto il tempo insieme. Soffocherei.
Credo ci sia una cosa giusta per ogni coppia e che non si possa generalizzare mai. Troppo o troppo poco in comune, uguali o diversi dai precedenti, tocca valutare caso per caso.
Che poi, quello che davvero ti prende puoi anche passare una vita a non vederlo o a vederlo troppo e ti prenderà allo stesso modo.
A volte abbiamo fretta di trovare "quello giusto", che non esiste. Non in questo mondo, forse solo nel nostro cuore. E lì ci puoi guardare solo tu. E sapere.
Bacio

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…