Passa ai contenuti principali

quando?

Esattamente, quando è che si passa da "persona che ha tutta la vita davanti" ad "adulto che ha fatto delle scelte" (o in alternativa "adulto che ha perso i treni, quelli importanti")?
E poi, le scelte - o le non scelte, le rinunce, i mancati passi avanti - sono sempre una sconfitta, o sono semplicemente una strada diversa?

Io non mi sento incompiuta o poco realizzata o non so... anche se a volte mi piacerebbe avere alcune cose diverse da come sono ora. Ma l'insoddisfazione, anche piccola, fa parte del motore della vita, la spinta al cambiamento ecc ecc.
E invece mi accorgo che molti di coloro che mi circondano non sono soddisfatti, covano piccoli punti bui o a volte grandi e si lasciano spiazzare e mettere in crisi da chi - pari per età o per modello educativo o che ne so - ha a loro parere raggiunto traguardi che erano "imprescindibili". Si trovano ingabbiati in modelli a cui non volevano aderire, invecchiati senza capire bene quando, imprigionati in ruoli che non pensavano sarebbero stati i loro...

Insomma, cosa fa di ciascuno un adulto consapevole e non un rancoroso insoddisfatto?

riflessioni del momento di chiusura dell'ufficio, ma se avete voglia di chiacchierarne domani potrei rendere meglio il mio pensiero...

Commenti

Renata_ontanoverde ha detto…
Una volta ci si affidava alla Provvidenza, si lavorava costruendo l'ideale traguardo a mano a mano che gli strumenti arrivavano e intanto si viveva nel presente.

Oggi la società inculca obiettivi a priori che vede la gente immatura ambire e tendere ad un ideale futuro che se riesce a raggiungere lo farà con molto sforzo e durante questo sforzo si perde il gusto e la capacità di assaporare le gioie ed i tesori del "mentre"!

Ecco perché al raggiungimento di un obiettivo spesso la gente si sente SVUOTATA! e pensa di aver vissuto inutilmente.

Chi gioisce ed assapora ciò che ha ogni giorno, e pur guardando al progetto futuro, non perde di vista il momento che vive e lo fa fino in fondo, può dirsi fortunato e vivere la propria vita.

Chiediti : se ci fosse un incendio ed avrei 10 secondi di tempo cosa mi porterei dietro con me fuori casa? ovviamente penseresti il figlio, la famiglia, la borsetta ed un paio di vestiti, ma il resto??? chiaramente sono mezzi che ci fanno vivere con una certa piacevolezza, ma le cose indispensabili sono altre: sono gli esseri umani intorno a noi!

Quindi perdere l'obiettività del momento è la maggior sconfitta, anche se raggiungi il più grande traguardo.

PaolaClara ha detto…
Uhm, ci penso e non ti dico, in quanto rancorosa e abbastanza in ritardo su ogni treno.
Capobelsky ha detto…
Al galoppo mi avvicino ai 40 e sento di aver raggiunto l'eta'adulta, con scelte che mi hanno portato lontano, molto lontano da quando e da dove ero bambino. Treni persi, qualcuno. Incompiuto, senza dubbio. Soddisfatto, probabilmente mai appieno. Rancoroso, spero di no. Tutta la vita davanti, certo che si!
Bacio.
Emanuele
monicabionda ha detto…
@emanuele: il tuo approccio è secondo me il più sano (e del resto la tua vita non è esattamente "tranquilla", quanto meno come residenza fissa). e no, per quel che ti conosco, rancoroso non è la parola che si adatta a te :)
@paola, che tu sia mia affine è storia vecchia ormai; ma anche nel tuo caso credo che rancorosa non sia la parola adatta...
@renata, può darsi. certe volte mi chiedo se è solo quello che abbiamo 'prodotto' in termini di apparenza sociale, status, riconoscimento lavorativo che fa di noi le persone che siamo. Per me la risposta è sempre no, ma riconosco che per ottenere alcuni obiettivi ci vogliono grinta e impegno, e non tutti hanno voglia di usare né l'una né l'altra...

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

#quellavoltache*

Non è stata una volta sola, come tutte, come tutti. Ce ne sono tre che ricordo meglio delle altre.

La prima è stata a 12 anni, ed è stata #quellavoltache ho subito maggiormente il trauma. Perché ero in vacanza, perché di quell'adulto mi fidavo, perché era parte di un contesto protetto (della bocciofila dove mio nonno passava la giornata, in vacanza, e dove tutti passavamo almeno qualche ora). Dovevo andare dalla bocciofila alla casa della mia amica, oltre la pineta, era sera e questo signore mi ha accompagnata un pezzo. Mi ha palpeggiata: avevo già il seno (era dai 10 anni che si era sviluppata quella parte della mia anatomia); ha tentato di baciarmi. Io mi sono spaventata moltissimo ma non sarei riuscita a scappare, ero impietrita, lui mi ha chiesto di non dirlo a nessuno. Il giorno dopo non volevo entrare in bocciofila, mia madre mi ha chiesto e io le ho raccontato tutto (piangendo): non mi hanno più lasciata entrare in quel posto da sola, e dopo pochi giorni è finita la stagion…

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…