Passa ai contenuti principali

appunti di post sparsi

Ho briciole di idee per i post, tutte emerse stamattina dai resti della colazione. Se non ne prendo nota, andranno perse come avanzi non considerati.
Ecco dunque.
Il piccoletto cresce a vista d'occhio, e si prepara per una adolescenza di notti dalle ore piccole e dagli spuntini agli orari più inverecondi: stamattina, dopo il consueto biberon di latte, è andato a casa dei nonni, ha aperto il frigo, trovato gli avanzi del suo pranzo di ieri (preparato da me: bistecca al burro già tagliata a bocconcini, e fusilli con zucchine), preso il piatto e spazzolato tutto quello che conteneva, senza batttere ciglio. La fame è fame.

I mobili: quando ero ragazzina, imbottita di immagini delle riviste chic di arredamento (il fatto che stessi per scrivere abbigliamento è un interessante lapsus), ero convinta che ciascuno scegliesse come e con cosa arredare la sua casa. Come se la casa fosse una sorta di tela bianca imbrattata dai colori e dagli stili della tua personalissima tavolozza del gusto.
Non consideravo le eredità, i mobili tramandati, i passaggi di case...
E invece. Tra nonni, e prozie, e case progressivamente più grandi con mobili progressivamente meno adatti, fino ad ora non ho ancora mai avuto il piacere di scegliere personalmente um mobile o uno stile "concreto" per ciascuno dei posti nei quali sono andata a vivere. Non ho mai avuto una tavolozza completamente libera o una tela completamente bianca, bensì tela parzialmente disegnata e colori obbligati: che non si piuò assecondare il proprio gusto ignorando quello che già esiste. E così, per esempio, la mia cucina non è moderna, no: non avrei potuto renderla moderna, considerando che si tratta di uno spazio comune e che in quello spazio ho mobili "tramandati", alcuni di valore e "storici".
Eppure forse a conti fatti il mio stile è un po' quello: una commistione di antico e moderno, colorato e neutro, pasticcio ed eleganza. Chissà :)

Il mare: non fa per me quel continuo andare e venire dalla spiaggia. Ma comincio ad apprezzarne i meriti, credo che ci tornerò ancora (è il primo anno che non rifuggo all'idea di prendere confidenza e familiarità con bagni, mare, acqua e spiaggia).

Sempre il piccoletto: sembra che stiamo entrando a pieno titolo nella fase dei capricci, che però fino ad ora è gestibSHHHH (non diciamolo forte). Ieri sera ha mostrato di essere perfettamente in grado di comprendere cosa significano certe frasi e certe parole, e ha ottenuto lo spruzzino perchè ha capito che avrebbe dovuto spruzzare solo le piante, e non se stesso. E poi lo ha perso perchè ha volutamente ignorato l'avvertimento"non spruzzare più il telo di plastica. Se lo fai ancora, dovrò portar via lo spruzzino. Guarda che è l'ultimo avvertimento" ---> appunto, spruzzata la plastica, portato via lo spruzzino, pianto e strepito. Ma se non riesco ad essere pacata e ferma sulle banalità, come potrò pretendere che mi ascolti sulle cose serie? E secondo me quella dello spruzzino è stata davvero una prova di "limite". 

Ancora lui: sta chiedendo a gran voce (a modo suo, visto che l'eloquio non è il suo forte) di non avere addosso il pannolino. E allora da ieri si fanno esperimenti... chissà. Per ora, a casa nostra, il riduttore vince (ovvero, non è più quell'oscuro mostro di qualche mese fa).

I capelli, gli aperitivi, la bicicletta, le amiche assenti e quelle presenti... ho ancora tanti argomenti...


Commenti

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…