Passa ai contenuti principali

dei sentimenti

Leggo di gente che fa le mattane solo per riuscire ad incontrare la famiglia per una manciata di ore (dove per famiglia si intendono i nonni, o i genitori, o i figli, il marito, la moglie - senza distinzioni).
E penso che sì, è vero, è cosi: l'amore familiare, che sia di famiglia scelta o di famiglia ricevuta in dono, si nutre anche di presenza fisica, di chiacchiere, carezze, sguardi non mediati da monitor o altro.

E penso che mi manca la nonna Ottavia, tanto. Aprile 2010: sono già passati tre anni. Manca anche la zia Germana, con quel suo modo silenzioso e distratto di voler bene che tanto somiglia a quello di mio padre, e la zia Maddalena con il suo esserci sempre, affamata di presenza e di famiglia (fu lei ad educarmi al senso di famiglia, anche nelle piccole cose: l'altra zia, Esterina, non era brava con i bambini, ma lei le voleva bene e mi portava ugualmente sempre a "salutare la zia Esterina prima di andar via". Lo faceva per affetto nei confronti della cognata, e per consapevolezza educativa nei miei confronti - credo). Mi manca il nonno Lidio, istrione amichevole ma autonomo ed indipendente, fiero dei suoi nipoti e altrettanto granitico nelle sue abitudini; e il nonno Eusebio che si grattava la schiena contro gli spigoli e che aveva sempre lo sguardo dolce e paziente, fiero dei suoi nipoti maschi dopo tre figlie femmine, e fiero delle figlie femmine, e lieto delle nipoti.
Manca lo zio Bruno, burbero e imprenditore nel midollo, inaspettatamente protettivo e incapace di affrontare il peso della malattia della zia Germana.
Non mi manca la nonna Rina, morta troppo presto, ma ho di lei ricordi allegri e di società, mutuati un po' dalla mia labile memoria e un po' dai racconti familiari.

Mi intristisce, oggi, non avere tanta voglia di mantenere alcuni dei legami attuali.
Mi piacerebbe che ci fossero ancora tutte, queste persone che non sono più.
Mi accorgo ogni giorno che è passato a me, il compito di tenerli vivi...

Commenti

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

#quellavoltache*

Non è stata una volta sola, come tutte, come tutti. Ce ne sono tre che ricordo meglio delle altre.

La prima è stata a 12 anni, ed è stata #quellavoltache ho subito maggiormente il trauma. Perché ero in vacanza, perché di quell'adulto mi fidavo, perché era parte di un contesto protetto (della bocciofila dove mio nonno passava la giornata, in vacanza, e dove tutti passavamo almeno qualche ora). Dovevo andare dalla bocciofila alla casa della mia amica, oltre la pineta, era sera e questo signore mi ha accompagnata un pezzo. Mi ha palpeggiata: avevo già il seno (era dai 10 anni che si era sviluppata quella parte della mia anatomia); ha tentato di baciarmi. Io mi sono spaventata moltissimo ma non sarei riuscita a scappare, ero impietrita, lui mi ha chiesto di non dirlo a nessuno. Il giorno dopo non volevo entrare in bocciofila, mia madre mi ha chiesto e io le ho raccontato tutto (piangendo): non mi hanno più lasciata entrare in quel posto da sola, e dopo pochi giorni è finita la stagion…

Inizio di ottobre, chiusura di un ciclo

Due giorni che valgono mille. In attesa di mettere ordine, almeno prendo nota. Sabato 30 è stata la festa di compleanno di Andrea, l'amico da sempre. 50 anni. Una  bella, bellissima festa con oltre 100 persone. Una festa che è durata dal pomeriggio alla notte, con gente da tutta Italia, e balli e musica e bambini e vecchi amici.
Domenica 1 ottobre è stato l'arrivo di Francesca, casuale ospite molto gradita che è stata inserita suo malgrado in un turbine di eventi. È stata la messa di commiato di don Ivo, il saluto dopo 31 anni in parrocchia, la commozione, i canti... il fastidio per le stesse vecchie dinamiche che sarebbero da scardinare a calcioni (e don Ivo lo sa bene) ma che vengono quasi esibite al suono della frase più odiata "noi siam fatti così!".
È stato l'arrivare in parrocchia come quella prima volta ad ottobre 1993 ed essere ricevuta come allora dalla stessa persona (sorridente, stavolta a differenza di allora).
È stata, domenica, la corsa in ospedale …