Passa ai contenuti principali

le parole che non ho detto



La stazione centrale di Milano, arrivando da piazza della Repubblica, accoglie maestosa e imponente, come un disegno dalle linee nette e definite, ma sfumate con l’arancio del sole al tramonto. Pragmatica e vasta, somiglia agli abitanti della città.
Un'istantanea che porta con sè un mondo. In fondo è istantanea di un intero mondo anche il viaggiatore isterico di stamattina, che a Bologna voleva velocizzare la coda saltandola, e che pensava noi dormissimo solo perché eravamo su una sola fila anziché su due… “Signoraa! si sbrighi! Che c’è gente che perde il treno non vede???”. 
Il mio treno è partito prima del suo, ma questo è stato un mero dettaglio per lui,
 il nervoso e agitato viaggiatore non abituale.
Come sempre, quando mi presento a capelli sciolti, qualcuno (ogni volta un qualcuno diverso, peraltro: finora siamo a quota quattro) mi fa i complimenti per l’aspetto. Mentre mi domando se non sia il caso di prestare maggiore attenzione alle mie acconciature, ringrazio abozzando un sorriso e assolutamente senza rivelare che la pettinatura di stamattina è frutto di un lavaggio accurato dei capelli e di una prepotente asciugatura all’aria del treno, perché è  mancato il tempo per asciugare i capelli a casa.

Il capitolo abbigliamento. Finalmente ho conquistato il cappotto marrone che mi è sempre piaciuto. Più che un cappotto, è un giaccone dal collo sciallato e morbido. Indossato oggi per la prima volta, da me, a pieno titolo. Mi sentivo a mio agio: stivali marroni, jeans, maglia carta da zucchero con l’enorme collo ad anello che mi fa sentire protetta e coccolata, e il giaccone marrone nuova conquista. Deve essere stata quella tranquillità a trasparire dalllo sguardo.

Una cascina in pieno centro a Milano. Finalmente sono andata a vedere la famosa Cascina Cuccagna. Già due anni fa ci sarei dovuta andare, era d’estate. Ma avevo saputo da poco di aspettare un bambino, te lo avevo detto da poco, stavo venendo a patti con la rivoluzione. Non sarei stata in grado di apprezzare quel luogo tanto particolare.
Oggi sì. La ragazza che già due anni fa mi presentò il progetto questa volta mi fa conoscere un collega nuovo, arrivato da non molto a lavorare in quello spazio. “Ma noi ci siamo già visti… credo” dico, e mentre lo dico mi imbarazzo perché la frase è infelice (benchè sia esattamente quello che sto pensando: ho la sensazione precisa di aver già incontrato questo uomo, ma non riesco a capire dove… forse non ci hanno presentati? Forse era un incontro comune e forse da un’altra parte? Niente da fare, non riesco a mettere a fuoco e odio quando mi succede).
La sua risposta è esemplare:
“Dici? Può darsi… Però io sono di Torino”.
“...Ah. Anche io O_o”
E insomma, forse era amico di amici al tempo dell’università, o forse ci siamo incontrati per un progetto gastronomico circa sei anni fa… sono gli unici due casi - fatta eccezione per l’età simile - che porterebbe a pensare anche incroci scolastici assolutamente non ricostruibili in cui forse è capitato di incrociarsi. Amen (ma almeno la figuraccia è scongiurata: davvero, forse, ci siamo già visti). 

Siamo in arrivo a Modena. E io ho la testa che frigge di idee. Avrei voglia di tornare ad accoccolarmi vicino a te, e parlare parlare parlare, facendo in modo di mettere ordine nella smania di pensieri che frullano e non trovano il loro posto. In fondo questo foglio bianco è un surrogato di quel parlare.
Venerdì vado a Torino. Venerdì sera. E ancora non so dove dormire, ancora non ho deciso dove andare, ancora sono in subbuglio e vorrei un luogo di ricarica, che non so scegliere. Responsabilità e scelte, anche per una cosa così banale come il posto per una notte.
Qualcuno decida per me, per una volta. Una volta sola…

Commenti

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…