Passa ai contenuti principali
Uscire di corsa, dopo essersi fermata in ufficio a tentare di pianificare il lavoro a breve e medio termine.
Uscire di corsa, per andare a pagare una bolletta. E accorgersi solo dopo un quarto d'ora di coda che sì, i soldi ci sono, ma manca il bollettino di pagamento. Deve essere rimasto nella borsa a casa.
Bene. E? la degna chiusura di questi giorni...
Argh.


Però. Per una volta prendo il bus alla fermata del porto, quella illuminata che costeggia il canale. E continuo a macinare pensieri.

Questo è un anno strano. Non solo perchè lo scorso anno di questi tempi ero a casa con in braccio un piccolo di un mese o poco meno, cercando di capire come fare cosa fare come muovermi e riuscendo solo a vivere in simbiosi con mio figlio, a conti fatti.
Non solo per quello.
Non so, respiro intorno quasi una maggiore consapevolezza del Natale che arriva. Sento persone che ne parlano, vedo addobbi che si preparano, mi accorgo che siamo pronti all'attesa. E che siamo disillusi, e impauriti per il futuro, e che cerchiamo di stringere i denti e di stare vicini.
Sobrio, è la parola che meglio si avvicina al sentire di questo tempo. Un tempo sobrio. Un tempo anche consapevole. Un tempo prezioso, un tempo donato.

Per me questo tempo sobrio significa che ho voglia di vedere le persone a cui tengo, di sistemare il nido, di trovare il giusto equilibrio. Ho bisogno di lasciare liberi e di vivere insieme, di incontrarsi per piacere e non per obbligo, di accogliere le persone per quelle che sono, nè più nè meno (senza forzare a cambiamenti non desiderati e non cercati, ma anche evitando di cambiare io solo per venire meglio incontro all'altro, senza volerlo davvero). Vorrei che un giorno si dicesse anche di me che sono stata la compagna giusta, che ha lasciato libero chi le stava accanto, come lo si dice oggi della compagna di Valter.

Muovo piccoli passi di libertà e passione, in questi giorni. Dalle piccole alle grandi cose: per esempio, ho comprato un nuovo albero di natale da tavolo. Mi piacerbbe farlo diventare il "regalo" scelto dalla mia azienda per piccole occasioni (che so, un amico che aiuta a risolvere una bega, un consulente che ha fatto più del suo lavoro, un fornitore particolarmente collaborativo... un giornalista simpatico... cose del genere insomma).
L'oggetto speciale in questione è questo
img
A me piace tanto.
E mi aiuta a fare esercizio di pazienza...

Commenti

Capobelsky ha detto…
E'geniale! LO voglioooooo!!!!
Baci e complimenti per il bel post.
e.

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…