Passa ai contenuti principali

del perchè non scrivo qui

Faccio fatica a fermare i pensieri su blog.
Venerdì notte è morto Valter, un amico, un personaggio pubblico, un ristoratore. Quasi un coetaneo. Una persona che ha trasformato il posto dove ero appena andata a vivere in un posto familiare, che faceva casa.
In questi giorni ho scritto un po' ovunque, sui social networks. Ho letto e commentato, ho lasciato briciole e lacrime in qua e in là.
Ma non riesco a costruire un pensiero articolato. Fa male, ancora. E si porta dietro, questa morte improvvisa, una serie di riflessioni che si aprono una dopo l'altra e non riesco a star loro dietro.

vi lascio due tracce:
l'articolo sul giornale
il commento di una persona

Io aspetto che sedimenti un po' di questa confusione
Foto: Vi segnaliamo che oggi è stato aperto un conto corrente e per chi volesse dare il proprio contributo per le Borse di Studio di Jacopo e Tommaso queste sono le coordinate:

Iban IT19Z0620523704CC5040312060
Intestato a: Soli Annalita per Jacopo e Tommaso
Banca di Romagna - sede Faenza

Infine, domani, abbiamo pensato ad una semplice azione, di quelle che Valter adorava: per salutarlo stampiamo questo jpg, o anche semplicemente scriviamo "Ciao Valter!" su un foglio bianco e attaccarlo alla porta, all'auto, o dove vi pare...insomma una piccola e allegra invasione cartacea in suo onore.

Preferiamo dimostrare così, semplicemente e diffusamente, il nostro saluto, senza troppe parole che sinceramente ancora non abbiamo trovato.

Invitiamo tutti a condividere questa comunicazione e diffondere attraverso le vostre mailing list.

Grazie a tutti!

Commenti

monicabionda ha detto…
le parole della cognata:
"grazie per gli anni stupendi che ci hai regalato grazie anche a LITA che ti ha sempre lasciato vivere come volevi la tua vita" Lita è (era) la compagna. Ecco.

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…

giugno, part one

Pensieri sparsi, necessari.
Le cose frivole: ho ripreso a uscire (cosa assai buona); ho ripreso a vedere film (anche questa, cosa assai buona).
Le cose medie: mi tappo ancora occhi e orecchie e mani davanti a cose che devo affrontare ma che mi spaventano moltissimo.
Le cose serie: tre volte in ospedale da inizio anno, due con mamma e una con papà. #anchemeno, per favore.