Passa ai contenuti principali

sogni e pensieri

da qualche notte (direi dalla notte delle chiacchiere) ho ricominciato a sognare. O meglio, ho ricominciato a ricordare i sogni.
Quelli di stanotte, ufficialmente tutti in un solo sogno, a ben guardare si distribuiscono in tre "quadri". Tutti con l'ambientazione di Inception, per intenderci. Luoghi suggestivi, ma con la sensazione che non siano del tutto reali...

  • Primo quadro. 
Sono a una specie di festa - serata. Luogo molto inglese, luci soffuse, grandi librerie. Gente magra e bellissima (no, io no). In effetti sono a Londra, e ho appena scoperto che il mio volo, che sarebbe dovuto partire la sera stessa, è stato inspiegabilmente spostato alla mattina successiva. Sono preoccupata, stanca, e devo mettere la maschera del ma sono persona di mondo, va tutto bene, si risolve tutto.
Vedo per caso un uomo (circa 35 anni, barba e baffi): è una persona che ho incontrato una volta - che quindi non conosco affatto bene.
Mi avvicino e alla domanda "Come va?" rispondo spiegandogli che "ah, guarda sempre i soliti quelli della (compagnia aerea a caso). Hanno spostato il volo e non so perché. Solo che adesso non so proprio dove andare a dormire, e francamente comincio a non poterne più di tutti questi disguidi": sono bravissima a fingere noncuranza, mentre dentro mi sento desolatamente sola.
 Lui mi dice "ah, sei hai bisogno puoi fermarti a casa mia a dormire"
e io "davvvero? mi servirebbe sì, sono esausta e scoraggiata e mi sento un po' giù".
Lui mi ha guardata perplessa e ha aggiunto "ah, sì, capisco" con l'aria di chi non solo non capisce, ma non gliene frega proprio niente "ecco le chiavi, io vado a una festa, ciao".
Io rimango basita a mo' di statua. Ma almeno so dove dormire.

  • Secondo quadro.
Forse esco da quella specie di ritrovo mondano?
Comunque, vado a prendere l'ascensore. Palazzo storico, quindi ascensore d'ante - anteguerra (la prima, non la seconda). Si blocca. Siamo, nei due ascensori gemelli che si guardano ma che sono divisi fra loro da due porte di vetro, io e una ragazza bionda dall'aria pratica e concreta. Ci sentiamo ma non possiamo toccarci, ovviamente. Cerchiamo le soluzioni per far ripartire gli ascensori. Non ricordo come abbiamo risolto, ma mi porto dietro la sensazione di due donne molto agguerrite e propositive.

  • Terzo quadro.
Cambia la scena e anche l'abbigliamento. Sono in tenuta abbastanza sportiva, ma non trasandata o sciatta. Mi sento come se mi fossi vestita in modo neutro per non essere notata ma essere pronta a tutto (ho in mente una battaglia, uno scontro anche solo verbale).
Entro in profumeria. Luogo abbastanza asettico, bene organizzato ma  freddo, bancone nero, sul bancone fondotinta e trucchi per la pelle. Mancano ombretti e colori.
Dietro al bancone, con la camicia bianca e lo sguardo freddo e distante, una donna che conosco da tempo. Ha l'aria estremamente professionale e mi guarda con occhio critico. 
Dopo un lungo silenzio mi dice "non puoi andare in giro così, sei troppo bianca" e tira fuori una specie di espositore di quelli da gioielliere, con sopra stick neri che da una parte erano tondi (avevano la terra abbronzante all'interno) e dall'altra avevano il pennello staccabile. Alcune terre erano tonde, altre erano come i rossetti stick, piatte.
La scelta (non mia - io non ho voce in capitolo, e non ho nemmeno voglia di parlare) cade su una terra abbronzante scura, in stick, con la quale mi vien fatta una riga netta per guancia. Poi la riga viene sfumata col pennello, e si aggiunge un po' di terra chiara per illuminare. 
A quel punto la donna mi ha dato uno specchio. 
Mi sono guardata. Non ho reagito.
Impassibile, lei ha detto "va bene, puoi andare" e io sono andata.
 
Mi hanno chiesto come mi sento. A ripensarci, mi sento come un topo in trappola.

Commenti

monicabionda ha detto…
mi commento da sola, per ricordarmi che se davvero mi sento un topo in trappola, è probabilmente ora di smettere di tenere amici nella cerchia stretta, e lasciarli molto ma molto andare. è desolante
Renata_ontanoverde ha detto…
1) nel primo sogno è il tuo destino l'uomo che si fa i cavoli suoi, ma per lo meno ti offre una soluzione insperata che ti salva all'ultimo minuto.

2) ti percepisci concreta ed agguerrita, come nel tuo specchio donna bionda nell'ascensore gemello. quindi hai stima di te stessa.

3) pronta a tutto: ultimamente senti che devi lottare per ogni cosa, affronti anche le occasioni semplici con strategia e la sensazione "vediamo ora che cosa mi capita!".

La sensazione è giusta: senti che è il destino a gestire la tua vita e non ti senti più padrona della tua immagine. E' la commessa (la vita stessa) che ti impone la sua ricerca e la sua idea del look.

Più che agli amici penso sia il fatto che la tua nuova condizione di mamma lavoratrice. Abituata a gestire da sola la tua vita secondo il tuo istinto, ora tutta la tua vita è imperniata sul bambino ed il menage familiare, più che sulla tua vita sociale.
E' una situazione che ad ogni mamma va stretta, perché gestire una famiglia non è mai facile e ci si sente "annullate" con scelte obbligate.

Spero di non aver scritto cazzate:)
Comunque in groppa al riccio!

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…