Passa ai contenuti principali

sognare di nuovo

l'altroieri notte ho sognato di nuovo. E' stato un sogno strano.

Ero nella casa dove abitavo appena arrivata a Faenza. Un appartamento grande, su due piani, affrescato, in un palazzo di fine '800, con gli infissi non moderni, e alcune parti buie. Nel sogno la casa aveva nicchie e angoli e corridoi mutuati dalla grande casa di Ivrea, e altre zone che derivano direttamente dalla casa di campagna dove passavamo l'estate da piccoli.

Un letto provvisorio campeggiava in quello che probabilmente era un salotto, in origine. Il letto serviva a una signora anziana fragile e ammalata, che non si reggeva in piedi. Sembrava un po' mia zia Maurilia, ma con i capelli più bianchi (nota: la zia Maurilia ha i capelli corti e grigi con antipatiche striature giallastre che tenta invano di sbiancare con gli shampoo, e che sono il suo cruccio).
Questa signora, forse la suocera di qualcuno (non so perché avessi questa sensazione), indossava una bella e soffice vestaglia di flanella rosa e aveva lo sguardo smarrito e fragile che hanno le persone anziane che non sanno a chi affidarsi, ma che si rendono conto di non riuscire a reggersi da soli.
Io ero insieme ad un uomo magro, compassionevole, senza volto, che mi aiutava a sollevarla, a consolarla e a tranquillizzarla dicendole che non l'avremmo abbandonata e che anche da sola, comunque, lei aveva le risorse per farcela, che era una persona brava e in gamba e che davvero non si sarebbe dovuta preoccupare che tutto sarebbe andato bene.

Allontanandomi nell'androne di casa, dove c'era una di quelle finestrelle alte che si aprono solo con il bastone e solo a vasistas, affrontavo con il mio compagno di sostegno il discorso della gravità della situazione di quella donna, confermando che a mio parere ce l'avrebbe fatta e che certo non sarebbe stato facile. C'erano anche una scaletta di quelle di alluminio a tre gradini, ma non ricordo che consa ne abbiamo fatto nel sogno.
C'era anche un mio ex-ex-ex fidanzato storico, seduto in una vettura bianca,comparso dal nulla e che mi sembrava assolutamente inutile in quel contesto. Anzi, lo guardavo con una certa sprezzante tenerezza, da una grande distanza temporale e mentale: lui insisteva nell'affrontare la questione con le lacrime agli occhi e sottolineando come fosse sempre stato "uno che si appassiona delle cose e delle persone, lo sai, come si può non commuoversi? Ah ma certo che vi darò una mano ma non saprei come, lo sai che io mi appassiono e poi ci rimango male, è meglio che io non faccia niente".

E pensavo, nel sogno, che sì, delle lacrime gratuite non era più tempo: era tempo di guardare le cose davvero, e guardarle insieme con affetto e tenerezza compassionevole, da compagni, come con l'uomo senza volto che mi aiuta a sostenere la me anziana e fragile.

Commenti

Renata_ontanoverde ha detto…
ANZIANA ?? CHI ??? TU ???? O_O
E' forse la vita o meglio la stanchezza che ti fa sentir così?

Fragile, forse, ma la fragilità è qualcosa che affiora quando si è stanchi.

E quindi auguri e coraggio: lancia in resta, su il cimiero va alla guerra il condottiero! ;)
monicabionda ha detto…
nonono... nono io adesso: io nel sogno. ;)

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…