Passa ai contenuti principali

tempo di rivoluzione

Davvero un tempo di rivoluzione, questo. E, come ogni rivoluzione che si rispetti, porta con sé molte nascite (ben cinque colleghi - amici di età diverse e provenienze diverse mi hanno annunciato che diventeranno genitori a breve) e purtroppo anche diverse morti. Dopo l'amica di famiglia di vecchia data più giovane dei miei genitori - che ha perso la vita per un tumore all'intestino un mesetto fa - e la cugina di mamma, ultranovantenne, che ha chiuso il suo tempo naturalmente, ieri mi hanno dato a distanza di pochi minuti due notizie di perdita: la mamma di un amico di mio fratello, per un infarto, e il collega di mio padre, colui che gli offrì il lavoro nel luogo dove viviamo da 18 anni ormai.

Non sono preparata all'idea della morte, e mi accorgo che me ne difendo innescando un meccanismo di superficialità che non mi appartiene ma che mi permette di passare oltre senza incartarmi in un pensiero che non so - ancora - affrontare.
E questa mattina sentire che un pullman con 28 dodicenni in gita scolastica ha avuto un incidente e che 22 ragazzini hanno perso la vita e che ci sono gli psicologi pronti ad accogliere i genitori... ecco, sentire questo mi ha fatto capire che davvero ancora non sono pronta.
Sono pronta ad accogliere le nascite, a concepire che è il turno di chi mi è affine per età, che gli adulti siamo noi: ma mi è difficile conciliarmi con l'idea della morte 'fuori tempo', che sia di una cinquantenne o di un dodicenne. Le uniche morti che riesco ad accogliere sono quelle di chi ha più di ottant'anni... Del resto, è una mentalità non solo familiare (tutto gli esponenti della mia famiglia o quasi hanno concluso il loro ciclo vitale per età, e non per accidente) ma proprio sociale: solo pochi giorni fa in tv mostravano una brillante Valeria Valeri a teatro con il nuovo spettacolo: lei, 90 anni compiuti, e il suo compagno di palcoscenico Paolo Ferrari, 83. 

Ps: ho comprato un nuovo libro da leggere, Scintille di Gad Lerner. Fa parte di quella narrativa autobiografica tagliata un po' sulla forma del racconto orale che tanto mi attrae.

Commenti

PaolaClara ha detto…
Credo che non esista una morte "in" età. Semplicemente destino che si compie. Chi lo sa quanto tempo ci è concesso, perché mai dovremmo decidere noi che esiste una età giusta e una sbagliata? Anche se poi una morte qualsiasi colpisce, non si può non considerare quanto sia espressione della Vita esattamente come il nascere. Magari meno affascinante, ma altrettanto naturale.
Capobelsky ha detto…
Bel post che condivido assai. Non c'e'pensiero piu'atroce della morte di bambini. Figuriamoci quando sono i tuoi...ciaociao da Maputo.
E.

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…