Passa ai contenuti principali

sono innamorata di un uomo

Un piccolo uomo a dire il vero.
E' un amore saldo e duraturo, che esiste dalla prima volta che l'ho visto.

Si chiama Cesare, e quando ci siamo conosciuti, due anni fa, aveva due anni e mezzo e mi veniva dietro con aria composta e concentrata, ma molto determinata e curiosa, dicendo a voce alta "Ma se tu mi spieghi io ti aujuuuto". Quell'anno raccogliemmo insieme mazzetti di lavanda, potando i cespugli in collina, lui con le forbicine da disegno e io con le forbici grandi. Volle anche provare a fare le pannocchiette di lavanda per profumare i cassetti - ma io sono una piccola imbranata, per queste cose, e non ho saputo spiegarle bene.

Lo scorso anno cercava compagnia con cui chiacchierare mentre steso sul prato osservava il passaggio degli animali, e mi chiese "ti andrebbe di sederti qui vicino a me? ti faccio posto!".

Quest'anno, alla veneranda età di quattro anni e mezzo, i genitori lo hanno lasciato a noi per un'ora, mentre andavano a portare la chiave della camera ai clienti dell'agriturismo che avevano appena segnalato il loro arrivo.
La mamma ha lasciato il suo telefono sul prato. Ovviamente il telefono ha cominciato a squillare all'impazzata quando la legittima proprietaria era ormai fuori tiro. Nessuno degli adulti presenti è stato in grado di sbloccare quel telefono touch screen, ma Cesare è intervenuto dicendo
"Se lo dai a me faccio io"
"E come fai, Cesare?"
"Adesso aspettiamo e poi vedrai, smette di suonare!" - logica ineccepibile.

Gli abbiamo spiegato che no, bisognava proprio rispondere. Allora ha sbloccato il dannato telefono touch screen e con tono molto competente ha parlato con chi stava dall'altra parte.
"Sono Cesare, non sono la mamma. 
No, mamma non c'è ora... è andata a casa a portare le chiavi ai signori nuovi che stanno arrivando ora. Ma se vuoi la trovi a casa adesso... tra cinque minuti, è appena partita... 
Sì, mi ricordo di te sei la signora che c'era prima in quella camera. No, non lo so se hai dimenticato qualcosa, ma se l'hai lasciato la mamma lo ha messo da parte, lo fa sempre. No, nemmeno papà è qui, è sceso con la mamma. No, non te lo posso passare perchè non c'è... " mi ha guardato e ha detto sottovoce "le vuoi parlare? non mi crede... " e a voce alta "senti signora adesso ti passo... ehm... Monica".

Un bambino grande. Con dieci adulti intorno che lo guardavano a bocca aperta, ma che non sono intervenuti perchè non ce n'era alcun bisogno.
Mi piace tanto, Cesare.

ps: Cesare, ci ha raccontato la mamma, ha convinto due ospiti dell'agriturismo a dargli una mano. Il suo compito era quello di portare la sua cesta dei giochi vicino alla cisterna: è riuscito a farla portare agli ospiti ringraziandoli con un bel sorriso... (e se vi interessa, l'agriturismo è questo)

Commenti

PaolaClara ha detto…
Grande bimbo, sì... ;P

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…