Passa ai contenuti principali

cosa ve lo dico a fare...

Ho sognato, ancora e ancora e ancora. Non so come, ma il mio inconscio è in ansia da superlavoro.
Comunque, la sintesi:
  • ho sognato di tuffarmi in mare con la mia bicicletta colorata, appena dopo aver detto "no, io passo di sopra, non posso entrare in acqua sono in bici". 
  • ho sognato che la casa dove abitava la nonna veniva ristrutturata, e le stanze divise tra quelle soppalcate a vista, e quelle chiuse (stanze vere). I miei nonni mi guardavano dall'alto di una stanza soppalcata, dal loro letto di legno intarsiato. Della nonna sentivo solo la voce, del nonno vedevo solo la faccia. Ma entrambi sembravano sereni (e io ero perplessa - per la sistemazione - ma contenta, perchè loro sembravano contenti).

Nella realtà, in questi giorni ho lavorato e lavorato e lavorato.
Ho comprato mobili per il balcone, una scaffalatura finta (provvisoria, ma almeno funzionale) per i libri.
Ho ripulito la mia libreria bella - che era stata cooptata da mio fratello in questi mesi - e l'ho riempita di nuovo.

Ho sperimentato con gusto la ricetta del risotto con radicchio e uvetta (grazie a Chiara, che me l'ha offerto la prima volta nella variante "pasta"). Ho ritrovato le formine per i biscotti, ma ancora non so dov'è il manuale di Nonna Papera (con la ricetta meravigliosa dei biscotti, sperimentata lo scorso anno con un successo inatteso).

Ho appurato - se ce ne fosse stato bisogno - che le mie forme non vanno d'accordo con gli abiti di maglina e di carta velina (nonostante le insistenze della proprietaria del negozio).

Ho rivisto Valentina - a casa fino a gennaio perchè operata al ginocchio - e ho conosciuto il suo ragazzo (tarantino - campano emigrato a Milano, dove si sono conosciuti). Con loro mi sono divertita molto a chiacchierare (con altri, sempre in questo weekend, decisamente meno).
Ho incontrato due persone che non vedo da tempo... alla cassa del Brico Center, dove stavo pagando i mobili per il balcone. E mi sono sentita chiedere "Monica, ma cosa fai tu qui? Questo è un posto... semi-professionale".
Sono stata invitata all'inaugurazione della stagione di un locale teatro+cucina. Non è il mio posto preferito, ma magari prima della fine dell'inverno ci andrò, chissà.
Non sono andata al cinema, nonostante le buone intenzioni. Non ho ancora invitato gente a cena - tra l'altro, dubito di essere in grado di rifocillare degnamente eventuali ospiti, ma mi sto esercitando.
Sono andata in giro con i miei, ho pulito e lavorato, ho passato il sabato sera a casa privilegiando le coperte e il relax rispetto ai balli nella zona di Bologna.


Insomma, ho riempito il weekend. e adesso non vedo l'ora che sia mercoledì - per capire come e dove (soprattutto, in quale casa) allestire i decori natalizi.

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…