Passa ai contenuti principali

fibra di acciaio evanescente?

Antefatto:
nonna Ottavia, nata il 26 settembre 1910, entra in ospedale a inizio dicembre per una serie di problemi clinici culminati in un blocco renale.
Messa in isolamento prima di Natale (sulla base della convinzione dei medici, suffragata dall’andamento clinico, che lei fosse al termine), ha beffato ogni valutazione. Un miglioramento progressivo e imprevedibile.
Fatto:
dopo due ‘falsi allarmi’, finalmente ieri è tornata a casa in collina, con l’approvazione e il saluto di tutto il personale del reparto, che dopo oltre un mese l’aveva praticamente adottata.
Certo, non ha più la mobilità di prima.
E’ a casa con il letto medicalizzato, le ulcere aperte sulle gambe e un sopore a fasi alterne che le fa trascorrere tre quarti della giornata riposando.
Ma la sua mente è lucida, e presente.Tanto da aver ripreso con me il consueto dialogo (ormai quasi una bella abitudine tra noi).
  • “Nonna, vengo a trovarti presto, quando riesco, e mi fermo un paio di giorni”
  • Davvero? Tu lo sai, quando vieni io ti aspetto! Fai quello che puoi”
Criticità:
La badante che stava con lei ha – a nostro avviso – trovato un altro lavoro, tanto che si è presa 15 giorni di malattia a cominciare da oggi.
Così mia madre, partita per Torino il 4 dicembre con l’assicurazione “mi fermo un paio di giorni e torno”, è ancora su e probabilmente tornerà a febbraio. Forse.

E comunque non si risolve il problema dell'isolamento della casa nella quale vive mia nonna, essere sociale per eccellenza che mi insegnò, a 4 anni, il valore del ricevere ospiti e amici per le chiacchiere del pomeriggio (tanto da trasformare il 'Facciamo le signore' nel mio gioco preferito).
lassù in collina, senza vicini, senza amici, e con i nipoti che la vanno a trovare in modo frettoloso e discontinuo, mia nonna si spegne lentamente.
Credo mobiliterò le mie amiche di sempre, oltre ad essere presente quanto posso.

Commenti

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

#quellavoltache*

Non è stata una volta sola, come tutte, come tutti. Ce ne sono tre che ricordo meglio delle altre.

La prima è stata a 12 anni, ed è stata #quellavoltache ho subito maggiormente il trauma. Perché ero in vacanza, perché di quell'adulto mi fidavo, perché era parte di un contesto protetto (della bocciofila dove mio nonno passava la giornata, in vacanza, e dove tutti passavamo almeno qualche ora). Dovevo andare dalla bocciofila alla casa della mia amica, oltre la pineta, era sera e questo signore mi ha accompagnata un pezzo. Mi ha palpeggiata: avevo già il seno (era dai 10 anni che si era sviluppata quella parte della mia anatomia); ha tentato di baciarmi. Io mi sono spaventata moltissimo ma non sarei riuscita a scappare, ero impietrita, lui mi ha chiesto di non dirlo a nessuno. Il giorno dopo non volevo entrare in bocciofila, mia madre mi ha chiesto e io le ho raccontato tutto (piangendo): non mi hanno più lasciata entrare in quel posto da sola, e dopo pochi giorni è finita la stagion…

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…