Passa ai contenuti principali
Se viaggiare è sperimentare i propri limiti per la curiosità di conoscerli e superarli, aprirsi ad esperienze diverse dal solito con l’umiltà della neofita o quasi, non ho mai viaggiato tanto come in questi giorni. Se invece viaggiare è muoversi da un luogo all’altro, fisicamente e con la fantasia, è bastato un giorno a Milano per aprire nuove prospettive.

Credo si capisca, avrei due post da scrivere.
Uno è quello casalingo, uno è quello del viaggio.

Il viaggio e la sintesi
Milano vista senza l’affanno del lavoro ha il suo fascino e che la mostra di Steve McCurry merita decisamente una gita (informazioni e dettagli qui). Ho mancato Edward Hopper, ma ho compensato con due begli incontri. Non sono abile nel trasferire su carta certi momenti: lei lo ha detto meglio di quanto potrei fare io

Il post casalingo: ho aperto le ostilità con la cucina, la lavanderia e i mobili. Beh, sono riuscita a rompere lo sportello della lavatrice e a stirare pochi pezzi – tra cui una antipatica camicia - a perfezione. Devo lavorare sulla velocità di esecuzione in effetti. Quanto alla cucina, posso dire che la battaglia si è conclusa in pari. Io non sono una brava cuoca, non lo sono mai stata e dubito che si svilupperà in modo imprevisto questo talento che sono conscia di non avere. Me la cavo con i dolci, probabilmente perché amo mangiarne e per questo il mio gusto si è affinato. Ma certo non sarò mai un grande chef. Però in questo scampolo di dicembre mi sono divertita a cucinare per me e mio fratello (mio padre, come molte persone della sua età, non ama le sperimentazioni e ha gusti definiti e assai marcati dai quali è difficile farlo deragliare).
Due tipi di dolci: i biscotti dei tre re (da un saggio libro di cucina, il Manuale di Nonna Papera riemerso dalle nebbie dell’infanzia) – buoni ma troppo burrosi per i nostri gusti (sarebbero quasi perfetti come lingue di gatto, se tirati in formelle sottili), e un dolce alla cioccolata, pepe e basilico ripescato dal bistrot di Lise e Metroicon.
Una pasta alle zucchine (ok, ricetta facile e sperimentata, con tanto di attenzione al condimento – trucco da memorizzare sempre, a meno che siate vegetariani: pochi listelli di pancetta coppata aggiunti al sugo di verdure ne mutano il sapore in meglio, praticamente sempre).
Una trota al forno con aromi – io ho portato la ricetta, altri l’hanno cucinata.
Infine un antipasto – almeno così mi è stato offerto nella patria del Prosecco – trattato in casa come primo piatto degno di nota. Ecco la ricetta – a spanne: del resto, quale ristorante darebbe le giuste quantità agli avventori che chiedessero lumi su quanto assaporato?

Per due persone. ‘Antipasto d’autunno’
  • Una zucca violina non troppo grande
  • Due patate di medie dimensioni tagliate a tocchetti
  • una cipolla piccola tagliata a spicchi
  • mezzo bicchiere di latte intero
  • una confezione piccola di stracchino (sembrano quasi un monoporzione)
  • pepe – sale – noce moscata
  • due noci sbriciolate
  • quattro foglie di radicchio tenero (quello trevigiano, o il tardivo)
  • una spolverata di parmigiano e pangrattato
Mettete a cuocere in acqua fredda la zucca con la patata e la cipolla, tutto tagliato a tocchetti. Quando l’acqua arriva a bollore, salate e lasciate cuocere per cinque – dieci minuti massimo: i tocchetti devono essere teneri ma sodi. Passate tutto al frullatore diluendo con il latte a discrezione – deve venire una vellutata di media densità e molto dipende dalle singole verdure. Aggiungete pepe e noce moscata.

Preparate i piatti – al ristorante ci avevano servito il tutto in bicchieri triangolari da aperitivo – mettendo sul fondo un pezzo (metà, nel caso nostro) di stracchino e ricoprendo il medesimo con la vellutata bollente (se si fosse raffreddata nel frattempo ripassatela velocemente sul fuoco). Spolverizzate la vellutata con pangrattato e la noce sminuzzata, decorate con il radicchio tagliato a listelli e servite con il parmigiano a parte. Buon appetito

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…