Passa ai contenuti principali

raccontarsela

E va bene, siamo onesti e non raccontiamocela. Questa vaga malinconia che mi porto dal weekend viene da un paio di cose precise.
Una, tanto evidente quanto idiota: se un altro ha problemi nel conversare con me, non dovrei sentirmi in colpa io. Dispiaciuta, molto, ma non in colpa. Invece l'atavica tendenza ad addossarmi tutte le responsabilità mi fa reagire con un insano "cosa ho fatto di male?". Come se potessi risolvere tutto con la forza del pensiero (Johnny... lui vola con la forza del pensiero). Non posso, razionalizzo, e comunque mi immalinconisco. Ma fatico ad accettarlo.
L'altra, altrettanto idiota se non porta ad alcun movimento. Aver rivisto la mia compagna delle elementari mi ha messa davanti a uno specchio deformato. E io, al confronto, mi sono trovata "brutta". Per combattere questa bruttezza - di cose non fatte, di tristezza nello sguardo, di energia che manca, di fisico compresso - bisogna che io mi attivi, mi dia da fare, mi faccia aiutare.
Il primo passo avanti?
Nella pausa pranzo, un rigenerante giro in bicicletta fino alla battigia battuta dal vento, con l'acqua plumbea e il cielo grigio e i gabbiani stridenti.
Subito dopo, un produttivo giro su internet alla ricerca di orari e costi per la piscina. Trovati. Abbordabili. Dalla settimana prossima si comincia.

Commenti

Sciroccata ha detto…
inizi? e dove hai trovato prezzi abbordabili per la piscina? io ne ho trovati solo di non abbordabili!
monicabionda ha detto…
125 euro per l'abbonamento stagionale: si può fare, direi ... (nel posto dove vivo)

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…