Passa ai contenuti principali

il primo weekend d'autunno

NdR: Attenzione, quello che segue è un post a ruota libera. Citazioni musicali comprese - eliminate tutte, tranne la prima, in corsivo.

Ho ripreso a viaggiare. Bella forza, direte: sei sempre in giro (frase da pronunciare con lieve tono d'accusa, come se io non avessi diritto di stare un po' in giro) (e a voler guardare bene, non è vero che sono sempre in giro: è che mi godo fino in fondo ogni minimo spostamento ... ogni minimo movimento, spara. prima che un altro faccia lo stesso con te. ogni minimo cambiamento, spara.)

Ho ripreso a viaggiare, dicevo, verso i luoghi di casa. Ivrea prima, e Torino poi.
Impressioni?

A Ivrea ho avuto la sensazione di una atmosfera più dimessa rispetto allo scorso anno.
Tutti noi adulti (o forse solo io?) eravamo meno incentrati sui bambini. Probabilmente l'attenzione è inversamente proporzionale al numero degli infanti che circolano liberi. Il che è stato un bene per i bambini stessi, osservati di lontano ma non pressati, autonomi e sereni.
Arturo è meravigliosamente paziente, e assapora i piaceri semplici: vederlo mangiare un cioccolatino è una gioia.
E' stata anche una festa più 'italiana' e meno cosmopolita (il che per me è stato contemporaneamente bene e male: perchè il mio inglese è sempre più arrugginito).
E' stata una festa di chiacchiere sommesse, di nuove conoscenze, di incontri riallacciati semi-lavorativi, di belle notizie e di accoglienza affettuosa, ma anche di parole e chiacchiere mancate: tutto nella splendida cornice della casa che si affaccia sulle colline, a pochi passi dalla montagna.

Poi Torino. Qui le chiacchiere sono state di più, molto fitte e quasi inattese. Una bella sorpresa davvero. Ho scoperto Gobino e il suo cioccolato, una deliziosa piccola osteria dalle parti di Via Ormea, lo stile tardo Ottocento un po' bohèmien che tanto mi affascina. Abbiamo parlato di Canada e di Copenhagen, di Londra e del viaggiare tout court. Ho visto una donna giovane e bella che si svaluta (perchè? cadiamo tutte sempre nel medesimo errore) dai capelli ricci e rossi lunghissimi; ho ritrovato una compagna perduta, riso per le memorie da bambine. Scoperto che abbiamo avuto una infanzia davvero felice - non è solo un mio ricordo distorto.
Pensato che devo 'curarmi' di più.

Ho provato una seduta del Metodo Grinberg. Lo cerco, a Rimini.

Tra i buoni propositi del settembre?
Assolutamente, un corso di nuoto (lapsus, avevo scritto un corso di 'nuovo'. !!)

Commenti

Capobelsky ha detto…
Ciao cara. Confermo le impressioni sulla festa d'Ivrea, benche' il gruppetto internazionale (da Ginevra e dalla Germania) sia arrivato tardi quest'anno (6PM, pace all'anima loro!). Confermo anche le chiacchiere mancate che sono sempre il vero problema di essere in mezzo a tanta, troppa gente interessante per pochissimo tempo. Pero' ogni festa ha le sue perle, siano Arturo o altri intensi, benche' brevi, incontri. E' stato bello averti con noi.
Ciao.

emanuele
monicabionda ha detto…
:-)

e recupereremo parte delle chiacchiere prima o poi (ma per Natale siete di nuovo italiani?)
ciao

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

La val Gardena è bellissima. A dire il vero tutte le Dolomiti sono bellissime, ma la val Gardena è un posto speciale.
Dopo molti tira e molla per questa strana estate, siamo andati in vacanza solo Carlo ed io, per una intera settimana, in garni (cosa che mi ha permesso di spiegare la differenza tra pensione, bed and breakfast, garni, hotel - albergo ecc). E' stata un'esperienza bellissima, che conto di rifare: le vacanze a due sono veramente necessarie per prendere il ritmo, ritrovarsi, capirsi e conoscersi meglio senza le interferenze del parentado vario (nonni, zii... ). Carlo ha imparato un sacco di cose, ha finalmente capito bene come si sta a tavola, ha giocato, dormito, camminato, preso un sacco di bus e un sacco di funivie, fatto un picnic a oltre 2000 metri con il vento forte, avuto la mamma tutta per lui, sempre, 24 ore al giorno, per otto giorni pieni.
Io mi sono rigenerata, come sempre mi accade in montagna, ho fantasticato, riso, chiacchierato, mi sono arrabbiata …

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…