Per un punto Martin perse la cappa...

Antefatto: scopro l'esistenza di una caccia al tesoro automobilistica. E scopro anche che un'amica che non frequento da un po' vi prende parte. Sono la solita: le cose nuove mi incuriosiscono, non ho ancora partecipato a una caccia al tesoro automobilistica - solo a quelle normali. E' deciso, voglio partecipare alla caccia al tesoro automobilistica.
Mi attivo, chiamo la mia amica e lei mi propone di aggregarmi ad un equipaggio. Fico :)
Mi intrufolo alla riunione preparatoria - che per completezza di informazione si è svolta ieri sera Saremo in diciotto - così mi vien detto.
Corollario: Mi aspettavo un clima divertente e divertito, ridanciano e rilassato

La dura realtà: sono entrata praticamente in una setta di agguerriti combattenti. Meno di 18 - alcuni hanno dato delega ai padroni di casa. Ma certamente 18 partecipanti, che nel corso della serata diventeranno 19.
Il programma ha seguito ritmi serrati, per i miei occhi da inesperta. Abbiamo pianificato con precisione da Risiko le macchine, gli equipaggi e le capacità di ciascuno. Abbiamo ricevuto una lista di quel che ci serve (macchina fotografica, binocolo, metro, elastici e chi più ne ha più ne metta). Abbiamo suddiviso macchine ed equipaggi a seconda delle competenze singole - uomini e donne di fatica, uno sportivo per macchina, una persona di cultura per macchina, un neofita per macchina, compensiamo i pesi morti (nuovi, noiosi o infanti) con una persona o due esperte...
Il gioco della creazione degli equipaggi ci ha visti tutti a terra, proprio come a Risiko, veri strateghi. La competizione che si respirava ieri sera mi ha quasi preoccupata. Ho abbandonato la riunione dopo due ore, ritenendo che il mio apporto da "incapace di comprendere la complessità di una simile caccia al tesoro" fosse stato ben più che sufficiente*

Non sono sicura sarà una giornata divertente. Ma sono ancora ottimista (forse)...

*(N. d. R. - riflessione, non redazione.
Ho realizzato che c'è una cosa che mi aggrada poco: questo essere sempre abbinata a quelli che conosco perchè "preferirai stare con chi conosci".
Ma appunto perchè siamo in 19 e io conosco 3 persone e le macchine sono composte da 3 persone più l'autista, se mi metterai in una macchina "nota" io non avrò conosciuto nessuno, alla fine della giornata. Guarda che io sono una persona socievole, davvero. Uff)

Commenti

Post popolari in questo blog

una settimana in montagna, era tanto che non.

#quellavoltache*

Inizio di ottobre, chiusura di un ciclo