Passa ai contenuti principali
Per un punto Martin perse la cappa...

Antefatto: scopro l'esistenza di una caccia al tesoro automobilistica. E scopro anche che un'amica che non frequento da un po' vi prende parte. Sono la solita: le cose nuove mi incuriosiscono, non ho ancora partecipato a una caccia al tesoro automobilistica - solo a quelle normali. E' deciso, voglio partecipare alla caccia al tesoro automobilistica.
Mi attivo, chiamo la mia amica e lei mi propone di aggregarmi ad un equipaggio. Fico :)
Mi intrufolo alla riunione preparatoria - che per completezza di informazione si è svolta ieri sera Saremo in diciotto - così mi vien detto.
Corollario: Mi aspettavo un clima divertente e divertito, ridanciano e rilassato

La dura realtà: sono entrata praticamente in una setta di agguerriti combattenti. Meno di 18 - alcuni hanno dato delega ai padroni di casa. Ma certamente 18 partecipanti, che nel corso della serata diventeranno 19.
Il programma ha seguito ritmi serrati, per i miei occhi da inesperta. Abbiamo pianificato con precisione da Risiko le macchine, gli equipaggi e le capacità di ciascuno. Abbiamo ricevuto una lista di quel che ci serve (macchina fotografica, binocolo, metro, elastici e chi più ne ha più ne metta). Abbiamo suddiviso macchine ed equipaggi a seconda delle competenze singole - uomini e donne di fatica, uno sportivo per macchina, una persona di cultura per macchina, un neofita per macchina, compensiamo i pesi morti (nuovi, noiosi o infanti) con una persona o due esperte...
Il gioco della creazione degli equipaggi ci ha visti tutti a terra, proprio come a Risiko, veri strateghi. La competizione che si respirava ieri sera mi ha quasi preoccupata. Ho abbandonato la riunione dopo due ore, ritenendo che il mio apporto da "incapace di comprendere la complessità di una simile caccia al tesoro" fosse stato ben più che sufficiente*

Non sono sicura sarà una giornata divertente. Ma sono ancora ottimista (forse)...

*(N. d. R. - riflessione, non redazione.
Ho realizzato che c'è una cosa che mi aggrada poco: questo essere sempre abbinata a quelli che conosco perchè "preferirai stare con chi conosci".
Ma appunto perchè siamo in 19 e io conosco 3 persone e le macchine sono composte da 3 persone più l'autista, se mi metterai in una macchina "nota" io non avrò conosciuto nessuno, alla fine della giornata. Guarda che io sono una persona socievole, davvero. Uff)

Commenti

Post popolari in questo blog

12 marzo

Lunedì, 12 marzo. 13 minuti.14 marzo.
Un rincorrersi di numeri, e di musiche, e di parole (anche non a parole). Che ora frullano tutte in testa, tutte insieme, a ricordarmi che con l'istinto capisco molto di più e molto meglio che con le parole che escono dalla bocca.
E con le canzoni anche, a dire il vero.
E' un periodo di rock.
Di David Bowie e degli Evanescence, e di questa canzone.

analisi della persona

Sembro più giovane. Lo dicono le donne che di solito sono parche di complimenti, me lo dicono gli uomini che mi trattano alla pari prima di sapere che ho (x) anni più di loro. Lo dicono anche quelli che mi accomunano come sorella alla mia amica Paola (altra donna che non dimostra la sua età) o a Ilaria (che invece di anni ne ha 14 meno di me).
Cosa significa sembrare più giovane?
A volte significa dover arrancare dietro a percorsi che per età mi sono difficili, ostici perfino. A volte significa dimenticare limiti che invece l'età che ho (perché ce l'ho, è inutile camuffarsi dietro a un complimento per quanto ben riuscito) reclama a gran voce.
A volte l'ignoranza dell'età mi permette di non stare in una casella, e mi rende felice.

Quand'è che ho perso di vista i miei modelli? E quando esattamente sono diventata questa persona inscatolata nelle difficoltà quotidiane, che non ha più il gusto delle cose?
Non so esattamente. Ma so cosa voglio fare (e in parte faccio) pe…

saper fare, fare finta, oppure fare

Ieri sera aiutavo mio figlio ad imparare una serie di passi di un balletto. E' una delle nuove manie: la tv invita ad andare sul sito, sul sito ti propongono un tutorial, quando hai imparato la sequenza ti chiedono di fare un video tuo riproducendo la sequenza e lo posteranno sul sito. (qui il tutorial del balletto).
Ovviamente non ho intenzione di permettergli di girare e postare il video, ma intanto imparare il ballo sembrava interessante.

Lo è stato.

Nato immerso nella cultura dell'immagine e del 'verosimile', mio figlio non è tanto bravo a fare, ma è abile a fare finta. Riproduce i gesti del ballerino, ma non fa i passi, li copia solo come in un tableau vivant. Svuotandoli di ogni significato ed energia. Facendoli diventare una 'cosa copiata'.

Così ieri sera ho passato del tempo a cercare di trasmettergli la differenza tra 'fare finta' e 'fare'. A spiegargli che non basta imitare gesti belli o azioni belle per essere belli davvero. Che bis…