Passa ai contenuti principali

milano, 34 gradi alle nove di sera

Giornata campale quella di ieri - e la facciamo cominciare la sera prima.
Arrivata a To*rino alle dieci e mezza di sera, mi sono fatta mezz'ora in taxi ad ascoltare in piemontese (rispondere no, non sono tanto in grado, ma capire sì, il dialetto parlato dagli altri mi piace un sacco) e poi un'altra ora a raccontare io, con la nonna che è rimasta alzata proprio per ascoltarmi.

Mattina, la sveglia alle sei e mezza, in città per le sette e mezza.
Tutta la mattina tra una visita e l'altra, il pranzo con un amico in procinto di partire, l'ultima visita che si è conclusa alle quattro e mezza del pomeriggio.
L'acquisto da Intimissimi, il cammino verso la stazione, il treno.
Che arriva in ritardo a Mi*lano.
E che mi fa perdere la coincidenza.
Così ho preso un Intercity notturno per Lecce, che si è fermato all'una di notte non nella mia città, ma in una città vicina.
Fortuna che un'anima buona è venuta a prendermi.

Questa la cronaca.

Per le considerazioni invece:

  • sono una persona socievole, e l'ho imparato dalla nonna, mi sa. Quando ero piccola (tre-quattro anni) lei ed io giocavamo alle signore - ovvero prendevamo una tazza di tè chiacchierando e raccontandoci cose varie.
  • l'amico in procinto di partire per la Spagna - anzi, che ormai è già arrivato in Spagna - non è in grado di mettersi in modalità tranquilla. In un'ora abbiamo mangiato, preso un caffè, girato per la città sotto il sole cocente, come se avessimo avuto entrambi appuntamenti fondamentali. Io sono il tipo invece che si gode il presente, l'hic et nunc, e penso che non mi sarebbe dispiaciuto mangiare pensando solo a mangiare (e non al caffè che veniva dopo) e prendere il caffè pensando solo al caffè (e non a percorrere via Nizza a piedi). Chicca del pomeriggio: abbiamo rischiato di andar via senza pagare i caffè.
  • la commessa - o la proprietaria, non so - del negozio Intim*issimi è stata professionale e seria. Mi ha raccontato pro e contro di quel che volevo comprare: la sua serietà che evidenziava anche i difetti del prodotto mi ha convinto di più del prodotto stesso. Acquisto fatto.
  • da italiani spesso ci comportiamo da veri arroganti, ma altre volte siamo inspiegabilmente timorosi e ci vergognamo a chiedere quel che è nostro diritto ricevere. Il ragazzo che è salito sul treno con la prenotazione del posto - io ero seduta ma non prenotata, visto che il mio era un ripiego - non osava dire 'scusi quel posto è mio', pensando di essersi sbagliato o cosa.
  • io continuo la mia personalissima battaglia per accettarmi per quel che sono (fisicamente, dico), e prendere coscienza delle possibilità probabilmente negate. faticoso, a volte.
  • sì, è ora di ferie

Commenti

Post popolari in questo blog

di giornate bellissime e del perchè non durano

Nonostante tosse e mal di gola imperanti (sì, sono all'undicesimo giorno di antibiotico), nei giorni scorsi ho passato momenti memorabili, anche per questo 2017.
Li segno qui, per ricordarmene in futuro.
Episodio uno: la crisi della mezza età
Giovedì sera, dopo una vita da reclusa, mi concedo una birra in compagnia di un conoscente. Avevamo disquisito di lavoro in chat, ed era necessaria una integrazione alle chiacchiere.
L'incontro mi ha catapultata nel 'paese reale': la crisi dei 40 anni colpisce tutti, e il rigurgito di adolescenza arriva con matematica precisione, perfino in chi riesce a gestire con consapevolezza e con lucidità il suo percorso lavorativo, organizzandolo per farlo diventare qualcosa di solido e robusto...
E' la solita vecchia storia: donna molto giovane (molto) seduce -suo malgrado- uomo affermato, che sceglie di buttare all'aria la vita attuale per costruirne una che gli permetta un avvicinamento. Lei, saputolo, scappa con la beata incosci…

già tempo di bilanci? no, direi di no

Non esattamente tempo di bilanci, ma ho voglia di mettere su carta i viaggi di questo 2016 ricco di movimento. Nota: i viaggio di lavoro hanno l'asterisco di fianco, quelli di piacere hanno il pallino
° A gennaio, una giornata a Firenze. A girare con Lorenza, a parlare parlare parlare fitto, a cercare di dare un senso all'anno che stava cominciando. Un po' ci sono riuscita, un po' no. Ma è stato comunque bello.
°A marzo, Londra: il viaggio desiderato da sempre, compiuto con un bambino di quattro anni e cinque mesi. Stancante, pieno di amici, interessante, utile, necessario, bello. Ho perso mio figlio nel museo, ho capito che me la cavo con l'inglese ma che arranco per molto di quel che dovrei saper fare, ho incontrato amici. Mi sono riempita lo spirito di posti nuovi, ho visto la tensione nello sguardo dei bambini che da soli devono imparare a muoversi e a viaggiare e a fare. Ho abbandonato in aeroporto una trousse con un sacco di trucchi, per l'inflessibilità d…

torino, mia bella

Tre giorni a Torino. Tre giorni di schizofrenia, a pensare 'voglio fortissimamente tornare a vivere qui' 'non voglio assolutamente vivere qui' in una alternanza degna di una altalena molto performante.
Tre giorni in cui mi sono accorta che per Carlo ci sarebbero molti più stimoli che in provincia, ma che mancherebbero molte altre cose che in provincia invece ci sono.
E insomma, sono passati 24 anni ma ancora non ho trovato la sintesi che mi fa dire 'meglio qui o meglio lì'. La sola risposta possibile, ancora, oggi, è 'non è meglio o peggio, è diverso'.

Solo che questo diverso, a volte, mi sembra un treno che è passato e sul quale non sono riuscita a salire.

Le cose belle del weekend sono decisamente molte:
i parenti sudafricani, con i quali si è spalancato un mondo dove il mondo è tutto vicino a casa; il festival 'Metti in piazza la cultura 2017', dove Carlo si è trovato vicino a un Carlo e a un Pietro nel realizzare gli esperimenti scientifici (…